Orario di lavoro del personale sanitario. Caltagirone puntualizza: “Nessun passo indietro, l’allegato della Cgil era illeggibile”

il direttore generale dell’Asp di Caltanissetta Alessandro Caltagirone risponde alla Fp Cgil sul tema del contratto integrativo aziendale.

“Il comunicato trasmesso in queste ore dalla CGIL – scrive Caltagirone – fornisce un quadro poco chiaro della realtà dei fatti e soprattutto lamenta una presunta “mancanza di trasparenza” che di certo non appartiene all’Asp di Caltanissetta.
Ed invero, tale doglianza viene proprio, tra l’altro e da ultimo, smentita dalla scelta del sottoscritto di trasmettere a tutte le Organizzazioni Sindacali una nota con la quale si chiede un aperto e puntuale confronto con le OO.SS. sulla tematica in esame”.
“Preme puntualizzare fin d’ora che l’allegato fornito dalla CGIL ,ad integrazione del verbale, nel corso della seduta del 13 dicembre 2021, è stato presentato quale “estratto della precedente contrattazione del 2016” e firmato da tutte le parti presenti.
Tuttavia, da un esame del predetto documento si è riscontrato che non solo lo stesso non era né chiaramente né integralmente leggibile (trattandosi di una fotocopia sbiadita e dai margini tronchi) , ma che addirittura era parzialmente difforme rispetto all’allegato presente nel contratto del 2016. Pertanto – prosegue la nota -stante tale riscontrata non corrispondenza tra l’allegato prodotto in fotocopia in sede di contrattazione e l’allegato presente nel contratto del 2016, nella comunicazione di giovedì scorso, inoltrata a tutte le OO.SS., ho ritenuto opportuno e doveroso avviare un confronto tra le parti al fine di chiarire: quale sia la natura dell’allegato prodotto in sede di contrattazione, quale documento, dunque, le parti hanno ritenuto di sottoscrivere, e quindi quale sia il documento del quale si chiede la applicazione. Un confronto nel quale , pertanto, poter esprimere reciprocamente osservazioni e proposte, prima di pervenire ad una decisione congiunta”.
“Ribadisco che nessun passo indietro è stato fatto e nessuna decisione è stata ancora presa, ma ritengo che, nell’interesse dei lavoratori e del benessere degli stessi, vada fatta chiarezza sul documento applicabile in quanto totalmente leggibile e conforme alla normativa.
La trasparenza e la legittimità degli atti sono principi fondamentali posti alla base dell’operato del sottoscritto e dell’Azienda Sanitaria che ho l’onore di dirigere e pertanto non consentiamo a nessuno di derogare a questi principi”

Commenta su Facebook