Operazione “Notti bianche”, gli assuntori segnalati in Prefettura. Il Questore: “Mercato che non va in crisi con la pandemia”

317

“Le segnalazioni sono già partite. Si tratta di segnalazioni a norma di legge e su questo mi sento di tranquillizzare alcuni commentatori. Semplicemente si fa ciò che si deve: la segnalazione all’autorità amministrativa, al prefetto per quanto riguarda licenze di guida o porto d’armi. Garantisco che è stato già fatto, caso per caso, per tutti”. E’ quanto spiega a Radio CL1 il questore di Caltanissetta, Emanuele Ricifari, commentando l’operazione antidroga Notti Bianche condotta dalla squadra mobile questa notte e che ha portato a 8 arresti (cinque in carcere e tre ai domiciliari) per spaccio di stupefacenti, soprattutto cocaina. Nelle maglie dell’inchiesta anche numerosi assuntori il cui profilo non ha rilevanza penale ma che sono stati segnalati come tali in prefettura.

“Sicuramente Caltanissetta è una piazza di consumo più che una piazza di spaccio perché ci sono realtà come Catania e Palermo dov’è facile l’approvvigionamento. Qualcuno assume le posizioni di stockista locale e per quanto riguarda il consumo siamo sui livelli medi nazionali che sappiano essere alti”, afferma Ricifari.

La vendita di cocaina comunque non va in crisi per la pandemia, “anzi i dati ci dicono che il consumo è aumentato. Sicuramente quelle arrestate oggi non sono persone neofite del settore e non lo è nemmeno la clientela che si colloca su più strati sociali e qualcuno sorprendente per i non addetti ai lavori ma a noi ormai ci sorprende ben poco”.

 

 

Commenta su Facebook