Operazione Kitt. Martedì i primi interrogatori di garanzia degli indagati

812

Operazione “Kitt” dei Carabinieri. Martedì i primi interrogatori di garanzia di tre dei sei destinatari di ordinanza di custodia cautelare nell’ambito dell’operazione che ha fatto luce su una scia di furti in appartamento tra San Cataldo e Caltanissetta, episodi spaccio, rapina, danneggiamento e ricettazione. Martedì mattina davanti al Gip Francesco Lauricella saranno interrogati i sancataldesi Michele Callari, classe ’82 da venerdì agli arresti domiciliari, difeso dall’avvocato Massimiliano Bellini, accusato di due furti minori e di un danneggiamento a seguito d’incendio, Rosario Diliberto, classe 70 ai domiciliari e Fabio Colore, nisseno classe ’74 accusato di ricettazione di oggetti in oro, che gli investigatori presumono di provenienza furtiva, difeso dall’avvocato Gianluca Guida.

A seguire saranno fissati gli altri interrogatori di garanzia per i sancataldesi Cristian Ivan Callari, classe ’90  e Giuseppe Colasberna, classe ’78, nei confronti dei quali il Giudice per le indagini preliminari ha invece stabilito la custodia in carcere e il catanese Davide Intravaia accusato di spaccio. L’operazione scattata venerdì, coordinata dal procuratore Amedeo Bertone e dal sostituto Davide Spina su indagini dei Carabinieri della Tenenza di San Cataldo, ha ricostruito una lunga scia di colpi in appartamenti e villette e in un episodio anche una rapina violenta.

Commenta su Facebook