Donne in movimento ai candidati sindaco. “Politiche di genere, grandi assenti dai programmi”

637

 Lettera aperta ai candidati sindaci

                                              Elezioni amministrative 2014

 L’associazione Onde donneinmovimento  è attiva  in città dal 2005, e la sua  mission  è  “elevare la differenza di genere ad elemento di ricchezza della società in qualsiasi ambito”.

Come cittadine attive e interessate non intendiamo sottrarci ad una responsabilità che sentiamo e rivendichiamo come diritto-dovere: fornire un contributo di genere per l’elaborazione di un programma partecipato che accetti sostegno e controlli per la sua attuazione. Infatti all’inizio di questa campagna elettorale abbiamo inviato a partiti e movimenti nisseni, che oggi sostengono le vostre candidature,  un nostro documento  i cui  principi ispiratori sono:

 

  • la diversità di genere: per smascherare scelte neutre che nascondono soluzioni esclusivamente maschili;

 

  • la partecipazione: per evitare che prevalga l’interesse particolare sull’interesse generale, la delega sulla responsabilità;

 

  • la legalità: per garantire sicurezza e un sistema di regole condivise per la salvaguardia, l’incremento e l’uso dei beni comuni;

 

  • la laicità: per tutelare pensieri, identità, visioni del mondo e della vita diverse; per lasciare che le persone scelgano in libertà; per favorire comprensione e condivisione nel rispetto e nell’accettazione della molteplicità.

 

Leggendo  i programmi e seguendo  i confronti  fra i candidati abbiamo  rilevato  che le politiche di genere non sono fra le vostre priorità, pertanto vi  proponiamo di inserire e/o valorizzare  nei vostri programmi elettorali i  seguenti  punti:Istituzione dell’assessorato PARI OPPORTUNITÀ uomo /donna;

Istituzione   della  consulta comunale  alle Pari Opportunità di cui facciano  parte associazioni che sul territorio hanno specifiche competenze;

Rendere operativa la delibera  comunale del 12-03-2012  contro la  pubblicità lesiva della dignità delle donne;

Verifica, attuazione e ampliamento  degli impegni presi dall’amministrazione uscente  nel protocollo d’intesa che abbiamo firmato il 19 febbraio 2014, grazie alle  continue sollecitazioni del Coordinamento contro la violenza di genere, di cui facciamo parte, per la Promozione di Strategie condivise finalizzate ad Azioni di Contrasto alla violenza nei confronti delle donne e per la  costituzione di un  Centro antiviolenza, di cui Caltanissetta, unica provincia della Sicilia  è  ancora  priva.

TEMPI, ORARI e SERVIZI  della città a misura di donne, famiglie, anziani    anche utilizzando i Fondi Europei per i servizi di conciliazione.

I contenuti irrinunciabili che noi chiediamo di inserire  in un programma rispettoso di visioni del mondo e della vita anche  diverse dalle proprie  sono:

ISTITUZIONE DELLA CONSULTA LAICA

L’ISTITUZIONE DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) per cui  anni fa abbiamo promosso una raccolta di firme ;

ISTITUZIONE DEL REGISTRO COPPIE DI FATTO

Poichè anche a Caltanissetta l’organizzazione dei nuclei familiari ha subito profonde  trasformazioni, chiediamo che, così come in centinaia di comuni italiani, sia  istituito  a Caltanissetta il registro delle unioni di fatto.

CREAZIONE DI UN LUOGO IDONEO  E DIGNITOSO PER L’ADDIO DEI NON CREDENTI AI NON CREDENTI (sala del commiato)

 

 

 

Commenta su Facebook