Omicidio a Gela. Freddato lavaggista al culmine di una lite

887

Lavaggio via dell'Acropoli - Gela - OmicidioLa Polizia ha arrestato a Gela (Caltanissetta) Angelo Meroni, 46 anni, e un 16enne, rei confessi dell’omicidio di Francesco Martines, 38 anni, titolare di un autolavaggio, freddato stamani al culmine di una lite in una sparatoria in via dell’Acropoli. Il corpo senza vita dell’uomo e’ stato trovato dagli investigatori in aperta campagna, dove i suoi aguzzini lo hanno abbandonato. Ai due gli agenti sono risaliti grazie ad alcuni testimoni oculari, che sono riusciti a segnare il numero di targa dell’auto a bordo della quale i killer e la loro vittima si sono allontanati. Secondo una prima ricostruzione dei fatti i tre si trovavano a bordo di un’auto e stavano discutendo in maniera animata su un furto di automezzi di grosso valore, da cui Martines aveva escluso gli altri. Poi la discussione e’ degenerata e giunti in via dell’Acropoli uno di loro ha estratto la pistola e ha sparato al lavagista, che forse stava tentando di scappare a piedi. Dopo aver caricato il corpo in auto i due sono fuggiti, abbandonando il cadavere in aperta campagna. Grazie ai testimoni oculari, pero’, gli agenti sono riusciti a risalire al proprietario della vettura e al suo complice. Fermati nel pomeriggio, dopo un lungo interrogatorio i due hanno confessato il delitto. Sul cadavere e’ stata disposta l’autopsia.

Commenta su Facebook