Omessa custodia dell’arma, sancataldese assolto con formula piena

566

Assolto perché il fatto non sussiste. Finito sul banco degli imputati per l’omessa custodia di un’arma un sancataldese, D.P. le iniziali, di 43 anni è riuscito a dimostrare, insieme al suo avvocato, Massimiliano Bellini, che il revolver rinvenuto dai carabinieri nel 2015 all’interno del suo garage era custodito all’interno di un secchio e occultato e quindi inaccessibile a estranei. Il Pm aveva chiesto 4 mesi ma per il giudice il fatto non sussiste e oggi il 43enne è stato assolto con formula piena.

Commenta su Facebook