Omaggio a Manuela Paruzzo, Miele, vera vincitrice di Sanremo. Le bugie della Rai.

9935

Abbiamo scritto, detto e visto tanto sulla nota vicenda del ribaltamento del voto di Sanremo che ha tolto alla nostra Miele lo scettro della vittoria nella semifinale delle “Nuove proposte”. Parlarne ancora significherebbe essere inutilmente ripetitivi e amareggiarsi ulteriormente.

L'ingresso sul palco di Miele e Carlo Conti
L’ingresso sul palco di Miele e Carlo Conti

Un’ultima cosa, però, vogliamo farla, anzi due: la prima è renderle omaggio  pubblicando alcune foto della serata in cui, tenuta per mano da Carlo Conti ha calcato per l’ultima volta il palcoscenico di Sanremo. Ha cantato con molta meno tensione, con il sorriso sulle labbra e ha strappato un lungo calorosissimo applauso al pubblico del teatro Ariston. Pubblichiamo anche l’audio di questi 5 minuti da ricordare per tutta la vita.

 

La premessa di Carlo Conti e l’esibizione di Miele nella serata finale delle Nuove proposte.

DSC_1425
Il sorriso sereno di Miele

La seconda cosa che vogliamo fare, è manifestare tutto il nostro biasimo per quello che è stato detto, stamattina 13 febbraio, durante un collegamento con Sanremo, nel corso della trasmissione Uno mattina in famiglia. “Finalmente un Festival senza polemiche”. Questa, l’incredibile affermazione di un giornalista della Rai che, forse, non era molto informato sui fatti accaduti. Se c’è stato un festival farcito di polemiche, ricco di colpi di scena e, come sembrerebbe, con un vincitore delle Nuove proposte già prestabilito, è proprio il festival 2016.

Non è affatto difficile pensare che la Rai, Ente politico che fa politica anche nelle sue trasmissioni, abbia dato disposizione a tutti coloro che vanno in TV a parlare di Sanremo, di farlo in termini positivi nascondendo anche l’evidenza dei fatti.  Questa è la Rai. Ecco, questo è un sassolino che avevamo nella scarpa e adesso ce lo siamo tolto. A quel giornalista, autore di un’affermazione così “spiritosa”, desideriamo suggerire di pensare   un po’ meno agli ordini di scuderia e un po’ più alla propria professionalità.

Sala stampa immagine
La sala stampa

E, visto che ci siamo,  a tutti coloro che erano nella sala stampa a votare, desideriamo domandare perchè, pur avendo verificato subito il malfunzionamento dei cosiddetti “votatori”,  (un video in nostro possesso lo dimostra) hanno aspettato che Miele venisse dichiarata vincitrice prima di bloccare tutto e fare presente che qualcosa non andava nelle apparecchiature di voto. Ci domandiamo  se, quella sera, in caso di vittoria di Francesco Gabbani, il problema sarebbe stato sollevato ugualmente. Ma questo non lo sapremo mai.

Ma adesso, basta con le polemiche, i veleni, gli interessi, il gioco delle case discografiche, le eliminazioni immeritate, i contentini per porre riparo, in qualche modo, agli “inconvenienti tecnici” e alle bugie di mamma Rai.

Torniamo alla nostra Miele per precisare che le foto sono scattate alle immagini televisive e,  pertanto, di scarsa qualità. Ma questo non è importante, quel che importa è dire a Miele, ancora una volta e con tutto l’affetto e la simpatia possibili, sicuri di interpretare il pensiero di tutta la città :grazie Manu. Grazie per averci regalato queste emozioni, grazie per avere svegliato una città intorpidita, grazie per averci fatto sentire importanti.

OMAGGIO A MANUELA PARUZZO, MIELE.

Commenta su Facebook