Oggi l’anniversario del sindaco Michele Abbate. Sono passati 22 anni dall’efferato delitto

162

Anche questo 7 maggio per il 22mo anno la città di Caltanissetta ricorda il sindaco Michele Abbate, assassinato il 7 maggio del 1999. La cerimonia per la deposizione della corona d’alloro dell’amministrazione comunale è avvenuta alle 10 in via Consultore Benintende sede dello studio medico del sindaco Abbate e teatro dell’efferato delitto. Classe 1950, Abbate morì in seguito alle ferite inferte all’addome con un grosso coltello da un giovane del posto, William Pilato, poi arrestato dalla polizia e reo confesso. Al funerale parteciparono 10 mila persone. Oggi, in tempo di pandemia come del resto lo scorso anno, la commemorazione è stata ristretta alle autorità ed ai familiari, ma il ricordo in città del sindaco in jeans rimane ancora indelebile.

“Oggi è il ventiduesimo anniversario della morte di Michele Abbate, noi continuiamo a percorrere la strada da lui tracciata”, ha scritto il sindaco Roberto Gambino a margine della commemorazione.
“7 Maggio 1999, ultimo giorno di vita di un uomo buono e competente, Michele Abate ucciso da un giovane di Caltanissetta senza alcuna ragione tra l’altro non esistono ragioni per decidere di uccidere. Per non dimenticare, la memoria è sempre utile”, ha scritto il segretario della Cgil, Ignazio Giudice.
Commenta su Facebook