Nuove elezioni per il presidente del Consiglio a Sommatino. Il Cga rigetta l’istanza cautelare del consigliere Scarlata

549

Nuovo capitolo nella controversia per l’elezione del presidente del consiglio comunale di Sommatino avvenuta dopo il reinsediamento dell’assise inizialmente sciolta e poi reintegrata dal Tar.

Dopo la sospensione del provvedimento di scioglimento del Consiglio Comunale di Sommatino adottata dal Tar in accoglimento della domanda cautelare proposta da alcuni Consiglieri Comunali rappresentati dagli avvocati Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia e il successivo reinsediamento dell’assise municipale era stata convocata la seduta per l’elezione del nuovo presidente del Consiglio Comunale in sostituzione del dimissionario Leonardo Burgio.

Le prime due votazioni, tenutesi nella seduta del 28.11.19 sono state infruttuose giacchè nessun candidato ha raggiunto la prescritta maggioranza.

Nella successiva seduta del 17/12/2019, i Consiglieri Cigna Giuseppe e Scarlata Nicola hanno conseguito n. 6 voti.

Il Vice Presidente Cocita, pur non avendo nessun candidato raggiunto la maggioranza dei voti, ha arbitrariamente applicato un criterio anagrafico non previsto né dalla legge né dallo statuto comunale e ha proclamato Presidente del Consiglio Comunale il Consigliere Scarlata Nicola, poiché più anziano di età.

I consiglieri Bennici Simona, Cigna Giuseppe Rosario Gaetano, Cianci Filippo, Castellano Mariangela, Pirrello Daniele e Letizia Salvatore hanno, pertanto, impugnato innanzi al Tar Sicilia Palermo la delibera consiliare di elezione del sig. Scarlata alla carica di Presidente del Consiglio.

Si è costituito in giudizio il sig. Scarlata chiedendo la declaratoria di inammissibilità del ricorso e il suo rigetto.

Il TAR Sicilia Palermo sez. III (Presidente Maria Gabriella Quiligotti, Relatore dott.ssa Anna Pignataro), ritenendo infondate le eccezioni sollevata dalla difesa del sig. Scarlata, ha accolto il ricorso, annullando l’elezione del Presidente del Consiglio Comunale di Sommatino e condannando lo stesso Scarlata ed il Comune di Sommatino al pagamento delle spese legali nella misura del 50 per cento per parte.

In particolare, il TAR Palermo ha chiarito che – avendo i due candidati conseguito lo stesso numero di voti – la votazione avrebbe dovuto essere dichiarata infruttuosa e ripetuta attesa l’irrilevanza del criterio dell’anzianità anagrafica, nella elezione di un organo istituzionale, quale è il Presidente del Consiglio comunale, che deve essere espressione di una maggioranza assoluta o, a partire dalla seconda votazione, della maggioranza semplice.

Avverso tale sentenza il sig. Scarlata, con il patrocinio dell’avv. Giuseppe Ribaudo, ha proposto appello innanzi al CGA.

Il CGA (Presidente dott. Claudio Contesa, Relatore Sara Raffaella Molinaro), con apposita ordinanza cautelare (n. 00391/2020 pubblicata il 07/05/2020), ha rigettato la domanda cautelare proposta dal sig. Scarlata ritenendo non dirimenti i richiami normativi operati dall’appellante.

Per effetto della suddetta pronuncia il Consiglio Comunale di Sommatino dovrà procedere alla nuova elezione del proprio Presidente.

Commenta su Facebook