Nuova giunta di nuovo in alto mare

971

Doveva concludersi entro martedì la travagliata trattativa per la composizione della nuova giunta municipale, ma tra i partiti dell’Alleanza per la città e il sindaco non è stato ancora raggiunto un accordo. Pd, Udc e Polo Civico torneranno a riunirsi in questi giorni, mentre una nuova riunione di coalizione è programmata per giovedì.

Chi chiede di chiudere in tempi brevi, consapevole che ulteriori ritardi rappresentano solo un logoramento, è il sindaco Giovanni Ruvolo. Anche perchè gli assessori dell’attuale giunta, con un foglio di via già in mano, sono restii ad assumere iniziative che vadano oltre la normale amministrazione. E a volte, come nel caso dell’assenza totale della giunta al Question time di lunedì scorso, neanche questa viene garantita. Il problema, adesso, sono i criteri stabiliti dal Sindaco e dettati ai partiti. In particolare quello secondo cui gli assessori devono essere espressione manifesta della rappresentanza del partito, come i segretari cittadini, e in secondo luogo che abbiano già maturato un’esperienza amministrativa, per evitare un periodo di rodaggio come già avvenuto nel 2014. Quest’ultimo paletto viene contestato dal Partito Democratico, dal momento che il circolo Faletra intenderebbe proporre Ilaria Insisa che non ha mai ricoperto incarichi amministrativi. Altro scoglio è rappresentato dalla conferma dell’assessore Massimo Bellomo, che il circolo Centro Storico del Pd, sfumato l’ingresso in giunta di Vito Margherita, intende riproporre. Per il Sindaco, è emerso, sarebbe un controsenso da parte del Pd aver chiesto prima l’azzeramento e poi proporre una riconferma.

Commenta su Facebook