Nissa, tris di sconfitte consecutive. La crisi è palese

491

Tris ma purtroppo negativo per la Nissa. A Vibo Valentia per mano della Vibonese giunge la terza sconfitta consecutiva: due a uno il risultato finale. I biancoscudati si sono presentati con un organico ridotto all’osso: Patanè, Iacono e Periccioli hanno lasciato la squadra per i mancati rimborsi; Koffi non è partito all’ultimo momento per il riacutizzarsi di un dolore
e Bruno è out (per almeno tre mesi) a causa della frattura di tibia e perone.  Per completare la panchina si è fatto ricorso a molti elementi della juniores. I padroni di casa non vantano certo una situazione migliore: assenti Spanò, Eseola e Saturno; a questi si aggiungono il giovane Bedogni, anch’egli infortunato, e gli squalificati D’Angelo e De Cristofaro. Al seguito dei siciliani il nuovo presidente Santo Prospero, il suo consulente Tommaso Volpi ed il neo direttore sportivo Mario Cianciulli, oltre ai dirigenti Luigi Abbate, Alessandro Silverio e Maurizio Lamendola. Sulla panchina dei nisseni ha esordito il tecnico Fabrizio Fama (allenatore della Juniores). Gli atleti della città di Caltanissetta partono bene. I padroni di casa perdono per infortunio Campo, che è sostituito al 14’ da Mercuri. Il vantaggio dei biancoscudati è la logica conseguenza di una convincente frazione iniziale; rete firmata da Savasta al 16’. La segnatura, inspiegabilmente, sembra spegnere l’ardore agonistico dei siciliani e la Vibonese si riassesta ed inizia a macinare gioco. Al 33’  Bruzzese, con un pallonetto effettuato di testa, centra la traversa e finisce nei pressi della linea: difficile valutare la posizione della sfera, l’arbitro assegna la rete perché a suo giudizio, la sfera avrebbe varcato la fatidica linea bianca. Squadre al riposo sull’uno a uno. Ad inizio ripresa i siciliani, reattivi e propositivi, impensieriscono l’estremo difensore avversario. Locali che imbastiscono azioni offensive sempre più pericolose ed al 58’ Brescia griffa il sorpasso della Vibonese. Biancoscudati volenterosi che tentano di acciuffare il pareggio; segnaliamo una traversa colpita da Marletta ed una grande parata di Sarào sulla conclusione di Di Marco, nel finale della seconda frazione. Nel corso della prossima settimana si attendono novità in casa Nissa, ulteriori novità in panchina e chiarificazioni ufficiali in tema di organigramma. Il neo presidente Santo Prospero, alla sua prima dichiarazione, sfoggia carota e bastone. “I ragazzi sono stati dei leoni. Ma adesso ci si allena o si cambia registro”. Probabile che prima del preventivato cambio di registro auspicato dal numero uno della società, si metta in moto il “registratore” di cassa per saldare i rimborsi spese ai giocatori.

Commenta su Facebook