Nissa Rugby pronta all'assalto della serie B

777

La Nissa Rugby (nella foto il presidente Giuseppe Lo Celso) dopo due settimane dalla conclusione della prima fase del Campionato di C Elite, che l’ha vista conquistare, da degna protagonista, la partecipazione al girone finale, continua ad allenarsi con rinnovato vigore, e si sente pronta a portare a termine gli assalti finali e smania per intraprendere il cammino conclusivo di questo campionato, che potrebbe aprirle le porte della serie B.
Domenica 25 la prima partita la opporrà, in trasferta, al Salento XV, squadra di Trepuzzi, in provincia di Lecce, l’attesa, come si sa, crea un po’ di ansie, ma la consapevolezza di essere preparati per questa gara e per la parte più importante di tutto il campionato è altrettanto forte.
La seconda fase del torneo, si snoderà in un girone di andata e uno di ritorno, suddiviso in 10 gare, dove le migliori formazioni della Campania, Amatori Napoli e IV Circolo Benevento, della Puglia, Tigri Bari e Salento XV, e della Sicilia con la squadra nissena ed il CUS Catania, si daranno battaglia sino al 17 maggio, con la designazione della vincente e promossa nella serie superiore.
Molte le soste previste, in genere di 2 – 3 settimane, nella concomitanza del Torneo del 6 Nazioni che impegna la Nazionale Italiana nel rispetto di tutto il movimento rugbistico. Prima partita in casa il primo di febbraio con il IV Circolo Benevento e altro derby con il CUS, a Catania, proprio per il 22 di febbraio. Anche le 4 trasferte, in Campania e Puglia, saranno un momento impegnativo per i giocatori nisseni, “dilettanti puri”, che dovranno sacrificare al lavoro e alla famiglia, 4 interi week-end, passando parecchie ore sul pullman e con un pernotto locale, per arrivare nelle migliori condizioni, fisiche e mentali, agli incontri che contano.
“ Ogni partita sarà una finale “ è il primo commento dell’allenatore Granata, e tutto il gruppo, Staff compreso, annuisce e condivide l’affermazione con l’orgoglio dei combattenti; nessuno vuol tirarsi indietro, anche se può essere prevista qualche indisponibilità per motivi di lavoro, di salute, visto che i virus influenzali circolano comunque, e purtroppo anche di recupero infortuni, visto che il nostro sport è indubbiamente uno sport di lotta e di combattimento.
Il gruppo della Nissa, in attesa delle determinazioni del Progetto  Franchigia, che vorrebbe vedere i migliori giocatori delle società siciliane schierati in unico Superclub degno di ben rappresentarci soprattutto in ambito nazionale, si è notevolmente rinforzato acquisendo 4 giocatori dell’Amatori Palermo e rinsaldando le collaborazioni, già avviate da tempo, con altre società siciliane come il San Gregorio Catania, il Miraglia Agrigento e lo stesso Amatori Palermo; non si escludono, comunque, ulteriori acquisizioni di altri validi giocatori siciliani, desiderosi di fare importanti esperienze partecipando, con un gruppo di primordine, ad un livello di gioco nazionale.
I giocatori, che potranno già essere schierati in campo domenica,sono tutti titolati, avendo già giocato in serie B, con lo stesso Palermo e Amatori Messina, qualcuno anche con esperienza di serie A con il San Gregorio Catania, e sicuramente daranno ancora più forza alla formazione nissena; Francesco Di Trapani, 2^ – 3^ linea, e  Francesco Cinà, pilone, rinforzeranno il reparto degli avanti, per una mischia e soprattutto una touche ancora più competitiva; Guido Cozzo, mediano di mischia, e Marco Trantino, ¾ centro e utility back, rinforzeranno la linea mediana e tutta la linea arretrata, per una squadra sempre più consapevole dei traguardi da potere raggiungere.
Il gruppo adesso è abbastanza numeroso e altrettanto qualificato; sicuramente la domenica non ci sarà posto per tutti, neanche in panchina, ma ci aspettiamo che tutti, soprattutto gli “esclusi” di turno, sappiano comprendere e condividere la valutazioni fatte dagli allenatori per mettere in campo la squadra più forte, superando egoismi e antagonismi che mal si addicono al nostro sport, vera esaltazione di un collettivo “totale” e di una grande dedizione al raggiungimento di mete irrealizzabili senza il sostegno di tutti.
Finalmente, recuperati infortunati e squalificati, la squadra si prepara anche al prossimo rientro, previsto per il mese di febbraio, del capitano storico, Salvo Carbone, appiedato da un lunghissimo infortunio muscolare, che non ha mai fatto mancare il suo sostegno, purtroppo solo “morale”, all’intero gruppo, comunque, ben condotto in campo da Strazzeri. La società nissena partirà sabato mattina, con il pullman societario per Trepuzzi in provincia di Lecce, dove arriverà la sera per la cena ed il pernottamento, l’indomani mattina colazione nutriente e subito in campo per la prima vera battaglia.
Non ci rimane altro da aggiungere se non che “ in bocca al lupo …. Nissa Rugby, siamo tutti con voi “ !
Il dirigente addetto stampa
Roberto Lachina

Commenta su Facebook