Nissa, prima vittoria stagionale ai danni della capolista

634

La Nissa che non ti aspetti, regala ai circa 70 tifosi nisseni presenti al “Marco Tomaselli” una gioia tanto grande quanta inaspettata. I biancoscudati hanno conquistato, con merito la prima vittoria stagionale, contro la Gelbison Cilento che primeggiava in graduatoria: il due a zero finale non ammette repliche. I pronostici della vigilia sono stati sovvertiti. I padroni di casa con un organico ridotto all’osso a causa delle molte partenze di atleti che hanno lasciato la rosa in seguito alle inadempienze della società, hanno giocato una gara in cui hanno moltiplicato le forze con un impegno ed una determinazione ammirevoli. Gli ospiti, forse convinti di venire a fare una gita a Caltanissetta invece si sono accorti che il match presentava molte più insidie del previsto. L’inizio della contesa è di marca siciliana; i locali gestiscono palla, anche se mancano d’incisività in fase conclusiva. Gli ospiti arroccati in difesa, giocano privilegiando le ripartenze e appoggiando ogni pallone al vigoroso Senè. L’attaccante di colore in forza ai campani spreca due colossali occasioni: la prima al 23’ dopo aver dribblato anche il portiere, incredibilmente da posizione centrale calcia fuori; la seconda dal lato esterno destro dell’area con un magnifico tiro di contro balzo che centra la traversa. Squadre al riposo sullo zero a zero. Ad inizio ripresa l’uno- due della nissa che manda al tappeto la Gelbison: Ruggieri al 50’ e Bica Badan (nella foto) al 55’, firmano due reti che valgono tre punti preziosissimi. Nella fase conclusiva della gara gli ospiti attaccano a testa bassa ma i bianco scudati si difendono con ordine e l’estremo difensore Marco Ammendola dispensa serenità ai compagni con due grandi parate. Grande la gioia dell’entourage nisseno al triplice fischio arbitrale che sancisce la fine delle ostilità sportive. Adesso si attende la riapertura del mercato per puntellare una squadra che dimostra di aver ritrovato la voglia di lottare.

Commenta su Facebook