"Niente centro Abbate per teatro contro la violenza sulle donne". L'accusa di Etnos all'amministrazione

441

La cooperativa sociale Etnos ha prodotto, in stretta sinergia con il “Teatrino Controverso”, con l’interpretazione di Salvatore Nocera, “Letizia Forever”, un monologo teatrale che rappresenta in maniera cruda il tema della Violenza sulle donne. Un evento gratuito per la città e senza alcun biglietto, reso possibile grazie al contributo economico di Equamente Bottega del Mondo. Ma nonostante la cooperativa abbia comunicato al Sindaco di Caltanissetta la richiesta di disponibilità del centro culturale “Michele Abbate” per la manifestazione, “ad oggi si prende atto del silenzio istituzionale dell’amministrazione comunale sulla concessione all’uso gratuito della struttura pubblica, e sul mancato riconoscimento del patrocinio dell’evento del 25 Novembre, giornata mondiale contro la violenza sulle donne”. Lo rende noto Fabio Ruvolo, presidente della cooperativa Etnos che afferma di “disconoscere pubblicamente ogni forma di partecipazione all’evento da parte del comune di Caltanissetta da ora in avanti”, e comunica “che la cooperativa provvederà ad individuare una nuova sede per l’evento” .

“La cooperativa Etnos si riserva il diritto di chiedere approfondimenti in sedi opportune, sulle modalità di concessione della struttura ad enti no profit”, conclude Ruvolo. Il riferimento è a diverse manifestazioni che il comune di Caltanissetta avrebbe patrocinato, concedendo così a titolo gratuito il centro culturale Michele Abbate, l’ex macello comunale.

La struttura, infatti, con una delibera dell’amministrazione Campisi, è stata assoggettata a un tariffario per i privati che ne vogliano affittare la sala. Tariffe che però dovrebbero tenere conto delle richieste che provengono da associazioni no profit e onlus che intendono organizzare iniziative non a scopo di lucro, benefiche o a finalità sociali.

Commenta su Facebook