Nessuna bandiera bianca. Campisi alza la posta. Passo indietro solo se c’è anche l’Udc

950

Intervistato durante la trasmissione “Tony Accesi”, il sindaco di Caltanissetta, Michele Campisi smentisce le ricostruzioni delle ultime ore che lo indicavano in procinto di fare un passo indietro dalla sua annunciata ricandidatura per le amministrative del 25 maggio.

Campisi ricorda che la sua investitura arriva direttamente dal leader del Nuovo Centro Destra, nonché ministro dell’Interno, Angelino Alfano che a Roma gli ha detto, riferisce il sindaco: “il candidato del centrodestra sei tu e questo non si discute”, riferendosi al lavoro svolto da questa amministrazione che Alfano ha lodato come positivo.

Ma il primo cittadino non nega, di fatto, che in corso ci siano incontri e trattative per creare ipotesi di ampie convergenze di centrodestra, che infine potrebbero metterlo fuori gioco. Ma anche quando ammette che la sua è stata la disponibilità di un uomo di centrodestra di mettere a servizio della coalizione le tante cose realizzate, Campisi lascia aperta la possibilità di un passo indietro da una candidatura diretta qualora emerga una figura terza in grado di aggregare non solo Ncd e Forza Italia, ma anche l’UDC.

Quindi di fatto Campisi alza la posta. Se prima la disponibilità a fare un passo indietro era legata a una più generica ipotesi di alleanze unitarie in area centrodestra, adesso il sindaco uscente e ricandidato, mette sul piatto, come paletto, l’alleanza con l’UDC. In altre parole, dice Campisi, se si trova un nome in grado di far convergere anche i centristi, allora potrei fare un passo indietro, altrimenti sono in campo perché legittimato dal leader nazionale del partito e in virtù di essere un uscente alla prima amministrazione.

Infine Campisi, nell’alzare la posta politica delle ipotesi in campo, dice chiaramente che anche qualora faccia un passo indietro, non lo farà certo da spettatore, come è colui il quale sventola bandiera bianca. Bensì lo farebbe da protagonista e parte attiva nella scelta e nell’indicazione di un nome diverso di candidato e per la costruzione di un’alleanza.

Commenta su Facebook