Nel nisseno sorpreso senza assicurazione distrugge l’auto, si scaglia contro i carabinieri e scappa: arrestato

482
COSTA MASNAGA = SERVIZIO COORDINATO DA PARTE DELLA COMPAGNIA DELL' ARMA DEI CARABINIERI DI MERATE CON POSTI DI BLOCCO ( POSTO DI BLOCCO ) IN BRIANZA E UTILIZZO DELL' ELICOTTERO DI ULTIMA GENERAZIONE " NEXUS " - CARDINI - 17-3-2012

Serata movimentata per i Carabinieri della Stazione di Riesi che ieri sera, intorno alle 21  nel corso dei consueti servizi preventivi a tutela della cittadinanza, hanno tratto in arresto in flagranza  G.F., romeno Cl. 1986, già noto alle Forze dell’ordine per resistenza, violenza, minaccia, lesioni a pubblico ufficiale nonché danneggiamento seguito da incendio e porto abusivo di arma.

I militari, a seguito del rinvenimento di autovettura VW Golf priva di copertura assicurativa, mentre stavano procedendo agli accertamenti e provvedimenti del caso, sono stati interrotti  dall’uomo il quale in forte stato di alterazione psicofisica legata verosimilmente all’abuso nell’assunzione di sostanze alcooliche,  con un grosso coltello da cucina oltraggiava e minacciava ripetutamente i carabinieri procedendo dapprima a tagliare gli pneumatici del veicolo e scagliando poi contro i militari alcuni oggetti prelevati dal cofano del mezzo dando,  infine,  fuoco allo stesso,  prima di darsi alla fuga a piedi per le vie circostanti e disfarsi dell’arma. A quel punto è iniziato un inseguimento e l’uomo è stato subito dopo bloccato davanti agli increduli passanti, atterriti dal pericoloso malfattore.  Lo stesso, nonostante la violenta resistenza, è stato,  con non poche difficoltà,  immobilizzato dai militari e tratto in arresto. Durante l’azione due militari sono rimasti lievemente feriti, venendo poi curati e dimessi dall’ospedale di Mazzarino. I VV.F. di Mazzarino sono intervenuti per domare le fiamme del veicolo incendiato. L’arrestato, espletate le formalità di rito, e’ stato associato presso la casa circondariale del capoluogo a disposizione dell’A.G. di Caltanissetta competente in attesa di giudizio.

Commenta su Facebook