Nel cuore della competizione con le semifinali del Festival città di Caltanissetta

689

Atmosfera d’esordio per il cuore della competizione canora del Festival città di Caltanissetta che giovedì sera ha celebrato la prima delle due semifinali.

Conduzione frizzante e ben articolata quella di Toto Venti e Donatello Polizzi, con un brio aggiunto grazie alla presenza di Alessandra Falci che ha stupito la platea nelle vesti di una inviata particolare. L’inviata “Scoop-ina” di Barbara D’Urto. Tante le gag e le battute che hanno alleggerito la tensione della prima serata di competizione dei partecipanti.

Soltanto questa sera, al termine della seconda semifinale, si saprà dei sedici ragazzi in gara chi accederà alla finale di sabato 29 aprile al Teatro Margherita.

Diverso l’epilogo dei brani editi dove a sfidarsi erano in tre e soltanto in due sono passati.

Sono passate alla finale le prime due dei tre sfidanti Angelica Curatolo con “Fa che non sia mai”, Chiara Melfa con la canzone “Che sia Benedetta” e Michela Palma “La paura che ho di perderti”. Piacevoli anche gli interventi del gruppo di ballo “In punta di piedi/studio21”. Presente in rappresentanza del comune di Caltanissetta l’assessore alla cultura Carlo Campione.

Giuria attenta ed equilibrata, le cui critiche e consigli sono stati mirati a indirizzare in modo costruttivo i partecipanti, non dimenticando mai il senso della competizione che caratterizza la manifestazione.

A presiederla il produttore e autore Angelo Valsiglio, vicepresidente Gianluca Giudici, compoenti : Gianni Errera, Eugenio Cardillo, Rosalba Cosentino e Fabio Messina

Questa sera in gara i due finalisti della sezione “editi” e gli sfidanti della seconda semifinale: Spika “Niente da perdere”, La Monica Giuditta “Coraggio liquido”, Ballistreri Gaia “Scusa”, Bollo Lucia “A quattro mani”, Buggea Martina “La regola del gioco”, Giambra Paride “Meravigliosa” , Fasciana Celeste “Chiudo gli occhi”, Pernaci Christian Nazareno “Meravigliosamente la vita”

Commenta su Facebook