Ncd con Petrantoni: “L’ufficio Europa non esiste”

1080

Riceviamo e pubblichiamo dal coordinamento NCD) – “In uno dei tanti inascoltati interventi sul bilancio di previsione, anzi ci correggiamo, anche se tardi siamo stati creduti sulla materia degli impianti pubblicitari, il 30 luglio 2014 scrivevamo questo sull’impegno di 10.000 euro per il “mitico” Ufficio Europa:” La somma di 10 mila euro per l’Ufficio Europa appare non supportata da alcuna attinenza con gli obiettivi del predetto Ufficio, che per quanto appreso dalla stampa, vien istituito “sulla carta” senza alcun intervento sul regolamento uffici e servizi da parte della Giunta Municipale, condizione che ne interdice qualsiasi controllo sul risultato….”

L’interrogazione del Consigliere Petrantoni ha riportato in questi giorni, dopo ormai quasi tre mesi, l’argomento agli onori delle cronache.

L’attenta redazione di Radio CL1 ha offerto all’Assessore Zagarrio l’opportunità di informare la cittadinanza in un civile contraddittorio con il Consigliere durante il programma “Tony Accesi” condotto da Tony Maganuco. Risultato: l’Assessore Zagarrio non solo non si fa rintracciare, ma contravvenendo alle minime regole di “creanza istituzionale” che dovrebbe intrattenere chi pretende in maniera pedante di insegnare agli altri l’Amministrazione Partecipata, non manda né un sostituto, né un documento, dando la chiara impressione di ricercare la “fuga” sulla “patata bollente” della settimana.

L’evidenza dei fatti è infatti la seguente.

1) L’Ufficio Europa ancora non esiste;

2) L’Amministrazione Comunale non ha assegnato obiettivi ai Dirigenti ed alle Posizioni Organizzative (veri ed unici titolari della programmazione europea nei pertinenti settori) sulla redazione di progetti attinenti ai rami dell’Amministrazione per la ricerca di fonti di finanziamento (è ovvio che prima si progetta e poi si cerca la fonte finanziaria);

3) Ai Dirigenti continua infaticabilmente ad essere applicata la gestione premiale “Ante” riforma Campisi, in stato avanzato non solo di disapplicazione ma anche di cancellazione con il bene placido dell’Assessore al ramo Centorbi che fa spallucce anche al Collega Zagarrio che nella conferenza dei 100 giorni gli chiede aiuto per creare davvero l’Ufficio Europa. Il mantenimento dello status quo non stimola i Dirigenti a progettare alcunché essendo agli stessi garantita la più vantaggiosa retribuzione indipendentemente dalla capacità attrattiva di investimenti;

4) Il Comune è interessato dalla presenza di un copioso numero di Consulenti, che dovrebbero, a questo punto, effettuare il lavoro di competenza dei Dirigenti e Posizioni Organizzative. Possiamo immaginare che i tanti volenterosi, dopo essere stati presentati con nome e cognome dal Sindaco in pompa magna durante la conferenza stampa di presentazione dell’Ufficio Europa, attendano con animo lieto di vedere “regolarizzata” la propria posizione; peccato che dovranno partecipare alla selezione del bando degli esperti a titolo gratuito insieme all’Ingegnere Caputo;

5) Sono inutilmente stanziate somme nel bilancio di previsione per un ufficio inesistente.

Il risultato si commenta da solo ed il tempo è ormai scaduto. Un anno di programmazione “bruciato” e gli obiettivi dell’Amministrazione passata mortificati, a vantaggio di chi o cosa non si comprende.

Gli Assessori responsabili dovrebbero prendere atto della situazione e rassegnare immediatamente le dimissioni.

Dopo ormai quasi cinque mesi le tasse sono più alte, tutto segna il passo e quest’Amministrazione continua a vivere delle rendite del passato, che operando in questo modo si esauriranno molto presto”.

Il coordinamento cittadino Ncd

 

Commenta su Facebook