Mutui in calo in Sicilia, ma Caltanissetta è in crescita

325
getting a loan for a new home ownerhsip

Nel primo semestre dell’anno il numero di richieste di nuovi mutui e surroghe è risultato in diminuzione del 2,5% rispetto allo stesso periodo 2017, una variazione comunque più contenuta rispetto alla performance rilevata a livello nazionale (-4,4%). Lo rileva il Barometro Crif sulla base dei dati forniti da Eurisc.

A livello locale, le uniche due province ad aver registrato una crescita sono state Caltanissetta e Siracusa (rispettivamente +8,7% e +5,1%), mentre i cali più marcati si registrano nelle province di Trapani (-12,1%) ed Enna (-6,0%). A Palermo il calo è stato pari a -3,9% contro il -1,9% di Catania.ù

Relativamente agli importi medi dei mutui richiesti, invece, in regione si registra una diminuzione del -5,0%, con un valore medio nettamente inferiore a quello nazionale.

La provincia di Palermo fa registrare l’importo più alto, con 117.340 euro mediamente richiesti, seguita da Catania, con 112.665 euro. A Caltanissetta si rileva invece il valore medio più contenuto, pari a 95.334 euro.

Per quanto riguarda il numero di richieste di prestiti finalizzati all’acquisto di beni/servizi (quali auto e moto, arredo, elettronica ed elettrodomestici, ma anche viaggi, spese mediche, palestre ecc.), nei primi 6 mesi dell’anno in Sicilia si registra una diminuzione del -4,8% rispetto al I semestre 2017, in controtendenza rispetto al dato nazionale (+0,4%). In termini di importo richiesto, invece, la media per i prestiti finalizzati in regione è stata pari a 5.381 euro, in crescita del +8,0% rispetto al 2017.

Relativamente ai prestiti personali, infine, nel primo semestre 2018 la Sicilia evidenzia un incremento del numero di richieste pari a +8,5% rispetto allo stesso periodo del 2017, variazione superiore rispetto alla performance nazionale (+7,6%). Per quanto riguarda l’importo medio dei prestiti personali richiesti in questa prima metà dell’anno, non vi sono sostanziali differenze a livello provinciale: Trapani si posiziona al primo posto in regione con 12.809 euro richiesti, mentre all’estremo opposto si colloca Palermo, con 12.058 euro, preceduta a breve distanza da Enna, con 12.190 euro. (Gds.it)

Commenta su Facebook