Musumeci dal Prefetto. "Mafia cerca business. Verifichiamo se amministrazioni hanno lavorato bene"

415

Il presidente della commissione regionale antimafia, Nello Musumeci a Caltanissetta per un giro di incontri, prima in Prefettura dal prefetto Carmine Valente e poi al Liceo Classico Ruggero Settimo per parlare agli studenti. Musumeci si è presentato puntuale in prefettura, intorno alle 9,30, affiancato dal vice presidente dell’antimafia regionale, Gianluca Miccichè e dal deputato del territorio Giancarlo Cancelleri. Diversi i temi discussi, che saranno adesso approfonditi con audizioni e analisi in commissione antimafia, tutti riguardanti la provincia nissena. Si va dal problema delle discariche dei rifiuti e dal mancato avvio di quelle pubbliche, alle infiltrazioni mafiose nelle pubbliche amministrazioni. Al centro dell’incontro anche i provvedimenti contro il voto di scambio e le miniere abbandonate usate come discariche di rifiuti tossici. Un incontro proficuo, ha detto Musumeci uscendo dalla stanza del Prefetto di Caltanissetta, da cui sarà avviato un lavoro di screening molto approfondito in tutti i settori delle pubblica amministrazione che drenano risorse. “Perchè la mafia – ha detto Musumcei – non va certo dove non ci sono soldi”.

 “Dalle prossime giornate – afferma Nello Musumeci, presidente della Commissione Antimafia dell’ARS –  ci metteremo al lavoro con un paio di istruttorie per verificare se esistono contiguità tra gli organi regionali e le mafie. La nostra attenzione spazierà dal Vallone alla zona sud senza escludere nulla ma senza drammatizzare. Sono temi su cui la commissione lavora, come la politica urbanistica, alloggi popolari, politica dei rifiuti, temi e obiettivi della criminalità organizzata che punta su zone ricche e business e su questi abbiamo il dovere di capire se la pubblica amministrazione ha lavorato e se ha lavorato correttamente”.

“La commissione antimafia – prosegue Musumeci – ha aperto già un’istruttoria su rifiuti e discariche pubbliche e private, ascoltando l’assessore Marino, che è un magistrato, e si sta lavorando su questo fronte ma non possiamo dire nulla. Altro settore sensibile è quello dei rifiuti speciali, che secondo dichiarazioni di pentiti, potrebbero avere avuto nel nisseno un punto di riferimento. Apriamo indagini sulle amministrazioni regionali pubbliche, o sottoposte a controllo, come Asi, enti locali e partecipate e in questo senso le indagini verranno svolte anche con audizioni”.

Il presidente della Commissione Antimafia dell’Ars,  Musumeci, si è poi recato al Liceo Classico Ruggero Settimo per un incontro con gli studenti che lo attendevano nell’aula magna alle 11,30.

Commenta su Facebook