Musumeci a Caltanissetta per il progetto del nuovo mercato: “Pronti a riqualificare anche il Dubini e l’ex ospedale Vittorio Emanuele”

4 milioni di euro per cambiare volto al mercato ortofrutticolo comunale di via Bloy a Caltanissetta. Martedì mattina il presidente della Regione Nello Musumeci è stato nel capoluogo nisseno per illustrare il progetto di ristrutturazione del mercato in una conferenza stampa a cui hanno preso parte il sindaco Roberto Gambino e il commissario del Libero Consorzio Duilio Alongi. Il progetto è stato redatto dal Genio Civile di Caltanissetta di cui Alongi è direttore. Musumeci ha anche illustrato un programma di fine mandato della Regione sul territorio nisseno.

Sei mesi a partire da oggi per la redazione del progetto definitivo e poi l’avvio dei lavori per una radicale riqualificazione del mercato di via Bloy. Il nuovo mercato – ha confermato il sindaco Gambino – sta già attirando in prospettiva l’interesse di aziende del comparto per nuovi investimenti.

“Il mercato ortofrutticolo significa ridare fiducia al settore della produzione agricola e del commercio incoraggiando una tradizione orticola che nel territorio nisseno è abbastanza solida – ha detto Musumeci -. Il progetto riguarda un’opera che è della Regione e che punta a restituire vigore alle strutture in cemento ormai logore poiché sono passati 50 anni. Rifaremo le coperture, gli impianti fotovoltaici, riqualificheremo i padiglioni dove ci sono 14 stand, le celle frigorifere, tornerà ad essere un signor mercato”.

Il presidente della Regione ha quindi annunciato il progetto di riunire tutti gli uffici periferici della Regione Siciliana nei tre padiglioni dell’Asp di Caltanissetta di via Cusmano. I servizi erogati nella struttura, che tra gli altri ospita l’ambulatorio vaccinazioni e la direzione generale e sanitaria, saranno invece collocati all’ex ospedale Vittorio Emanuele e all’ex sanatorio Dubini. La Regione spende di affitto circa 40 milioni di euro l’anno per i suoi uffici periferici – ha spiegato Musumeci – e questa razionalizzazione consentirebbe oltre al risparmio, la riqualificazione funzionale delle strutture di proprietà dell’ente. Per il Dubini, infine, Musumeci ha concordato con il direttore generale dell’Asp Caltagirone l’installazione di un punto di ristoro per i fuitori del parco che rimarrà aperto.

“L’ufficio del lavoro, l’ispettorato del lavoro, la forestale, abbiamo uffici ovunque e questo deve finire, mentre tanti immobili regionali rimangono abbandonati. Poichè gli uffici dell’Asp andranno al Vittorio Emanuele e al Dubini, l’Asp rimarrà vuota e lì nei tre padiglioni metteremo tutti gli uffici regionali” ha concluso il presidente della Regione.

Commenta su Facebook