Cugini morti durante lavori in un pozzo a causa delle esalazioni sulfuree. I funerali giovedì alla chiesa Madre di S.Cataldo

984

20120813-182833.jpgSi terranno giovedì nella chiesa madre di San Cataldo i funerali dei due cugini di Caltanissetta Ettore Salerno, 55 anni, poliziotto in pensione che aveva prestato servizio all’Ufficio Immigrazione della Questura di Caltanissetta e Salvatore Biancheri, 48 anni, dipendente di un’azienda di trasporti nel Nord Italia recatosi in città assieme alla famiglia per le ferie. La fatalità si è consumata in contrada Favarella, vicino San Cataldo, nella casa rurale che l’ex poliziotto aveva acquistato da pochi mesi. Gli inquirenti hanno ipotizzato che a calarsi per primo all’interno della piccola cavità sia stato Salerno per prendere i detriti e passarli all’altro che stava su. Nel pozzo c’era circa un metro d’acqua. Salerno avrebbe accusato un malore a causa delle esalazioni sulfuree. Il cugino si sarebbe calato giù per soccorrerlo, ma a causa dei gas emanati dalla terra argillosa e dalle pareti avrebbe perso i sensi. A dare l’allarme della loro scomparsa sono stati i familiari: la moglie di Salerno, non vedendoli rientrare per l’ora di pranzo, ha iniziato a cercarli fino a constatare la tragedia. Sul posto sono intervenuti carabinieri e vigili del fuoco. I soccorsi sono stati vani. Sui corpi non è stata disposta l’autopsia e sono stati consegnati alle famiglie. Dopo una breve indagine la squadre mobile ha chiuso il caso. Si è trattato di una fatalità.

Commenta su Facebook