I “Moderati” replicano al sindaco: “Noi coinvolti a decisioni prese” e attaccano il Polo Civico

834

“Ci sembra doveroso rispondere alle affermazioni rese ieri dal sindaco Ruvolo, che continua ad esternare affermazioni non veritiere, per continuare invano a negare il fallimento della sua azione politica. Egli afferma che ci ha sempre invitati alle riunioni. Le convocazioni delle riunioni a cui si riferisce il Sindaco, erano riunioni dell’Alleanza per la Città, le cosiddette tre gambe (PD, UDC e POLO CIVICO), a cui il Sindaco non ci ha mai permesso di partecipare perché ha sempre distinto le riunioni dell’Alleanza, dalle riunioni di maggioranza”.

Così il gruppo dei “Moderati per Caltanissetta” replica al sindaco Giovanni Ruvolo che dai microfoni di Radio CL1 si era detto stupito che le critiche di un mancato coinvolgimento nell’azione amministrativa arrivassero da chi, come i Moderati, era stato invitato alle riunioni senza però prendervi parte.

“Le decisioni politiche – rispondono i “Moderati” – avvenivano nelle riunioni dei tre partiti dell’alleanza, e nelle riunioni di maggioranza noi dovevamo soltanto prendere atto delle loro decisioni. Questa è “democrazia partecipata” oppure è “democrazia comunicata”? Per noi è democrazia negata!”.

“Questo è un comportamento da vecchia politica, dove le decisioni vengono prese prima nelle segrete stanze, e poi si fa credere agli altri di decidere al momento. A conferma di ciò sono le pressioni politiche che i Moderati hanno subito dal Polo civico per entrare a far parte nella loro area politica, così da poter partecipare come “gamba” del Polo Civico alle riunioni dell’alleanza.

Comunque siamo certi che gli elettori sapranno chi votare nuovamente, e chi mandare a casa, ma ciò avverrà dopo le elezioni che, auspichiamo avvengano il più presto possibile, augurandoci di raggiungere quota venti Consiglieri, che potranno sfiduciare un Sindaco che ha tanto deluso le aspettative dei cittadini nisseni”.

Commenta su Facebook