Mobilità sostenibile: Legambiente Caltanissetta lancia un appello e invita i nisseni all’uso delle biciclette

444

Si è tenuto ieri l’interessante e partecipato incontro, organizzato da Legambiente, con la collaborazione dell’Ordine degli Architetti e dell’Ordine degli Ingegneri, sulla “Green mobility e PUMS”.

Dopo i saluti di Giuseppe Di Forti (Presidente della Banca Sicana), Ivo Cigna (Presidente di Legambiente Caltanissetta), Giuseppe Schillaci (Vice Presidente dell’Ordine degli Ingegneri) e Andrea Milazzo (in rappresentanza dell’Ordine degli Architetti), con Alessandro Giugno (Legambiente) nella veste di moderatore, sono intervenuti:

– Domenico Caminiti (Direttore dei servizi speciali mobilità dell’AMAT di Palermo), che ha descritto le nuove forme di mobilità condivisa ed integrata del trasporto pubblico urbano, realizzate e che si stanno realizzando a Palermo;

– Angelo La Rosa (Assessore all’Ambiente del Comune di San Cataldo), che ha parlato delle azioni messe in campo sulla mobilità pubblica a San Cataldo e del rapporto che si vorrebbe costruire con Caltanissetta;

– Giuseppe Tumminelli (Assessore alla Viabilità e all’Ambiente del Comune di Caltanissetta), che ha presentato alcune azioni e progettualità realizzate, ma anche le opportunità offerte da uno degli assi previsti in Agenda Urbana (progetto interprovinciale di Caltanissetta ed Enna);

– Andrea Milazzo (Segretario dell’Ordine degli Architetti), che ha centrato il suo intervento sullo stato dell’arte e sulle prospettive del progetto di realizzazione della linea ferroviaria ad alta capacità nella tratta Messina-Catania-Palermo, con l’importante snodo della Stazione di Xirbi;

– Andrea Poggio (Responsabile nazionale di Legambiente per la mobilità sostenibile e gli stili di vita), che ha descritto esempi e modelli virtuosi di mobilità sostenibile, che si stanno già realizzando in diverse parti d’Italia, d’Europa e del Mondo, dove: si diffondono sempre più mezzi elettrici, con alte capacità di connessione, in percorsi multimodali; si sta passando dalla proprietà del singolo alla proprietà di tanti; si sta disegnando una mobilità più coerente alle effettive necessità delle persone (pendolari, lavoratori, turisti, studenti, etc.), anziché sulla semplice diffusione dei mezzi e delle infrastrutture.

Durante il suddetto incontro si è anche evidenziato la grande difficoltà, in particolar modo per gli Enti pubblici e privati, di realizzare una transizione reale, sostenibile (anche dal punto di vista economico) e urgente verso un diverso modello di mobilità; ciò anche per una fase sfavorevole di leadership politiche mondiali, ma anche per le continue e forti pressioni della lobby internazionale del petrolio e dell’industria automobilistica.

Da questo punto di vista un grande impulso deve e può venire dai singoli e dai privati.

Durante l’incontro è stato proiettato lo spot, realizzato per Legambiente da VLab (Elia Miccichè e Fabio Caracausi), per incentivare i nisseni, e non solo, all’utilizzo di bici nei percorsi urbani (casa-scuola, casa-lavoro). Oggi infatti, l’evoluzione delle bici a pedalata assistita (un motorino elettrico aiuta, con diversi gradi di sostegno, a ridurre gli sforzi fisici nelle pedalate) può incentivare la diffusione di questo mezzo (meno inquinante, meno costoso nell’utilizzo per quanto riguarda assicurazione, carburante e tassa automobilistica, più salutare) anche in territori collinari, come quello di Caltanissetta, dove sono presenti salite e discese.

Alla fine degli interventi gli organizzatori di Legambiente, in collaborazione con la Rete d’Imprese del Mercato “Strata a’ Foglia”, hanno inoltre pubblicizzato l’avvio della campagna di raccolta fondi (Crowdfunding) “Riempiamo di Bici il nostro Centro”.

https://www.gofundme.com/green-mobility-cl?sharetype=teams&member=1498866&rcid=r01-1548414599,06-ca44bbcc66ed439a&pc=ot_co_campmgmt_w

All’esterno della Sala Convegni la Ditta Sanicola di Palermo ha mostrato diversi modelli di biciclette a pedalata assistita, mente la Ditta Mobility Green di Caltanissetta ha pubblicizzato alcune auto e macchinette elettriche.

 

Commenta su Facebook