Migranti trasferiti da Pozzallo a Bari e poi riportati in Sicilia. L’assessore Razza chiede al Governo un piano adeguato

76

“Ho appena finito la mia visita al porto e all’hotspot di Pozzallo. Per un giorno, notte compresa, sulla banchina sono stati tenuti a decine. Erano arrivati a Lampedusa, sono stati portati a Pozzallo e da qui in bus stanno tornando a Porto Empedocle”. La circostanza viene riferita dall’assessore alla salute del governo Musumeci, Ruggero Razza, a margine di un sopralluogo fatto insieme al sindaco, Roberto Ammatuna. In particolare i migranti che stanotte hanno dormito al porto di Pozzallo venivano da Porto Empedocle dove erano stati trasferiti dopo lo sbarco a Lampedusa. Dalla provincia di Agrigento sono stati trasferiti a Pozzallo e adesso torneranno nuovamente in provincia di Agrigento.

“Ma non è l’unica follia – afferma Razza in un video su facebook -. I migranti ospitati nell’Hotspot erano arrivati in Sicilia, quindi portati a Bari e poi riportati in Sicilia. Ringrazio il sindaco Ammatuna per la visita che assieme abbiamo fatto e voglio raccogliere tutta la preoccupazione che egli ha espresso per la sua comunità. Quando il presidente Musumeci ha denunciato la mancanza di un piano, eravamo stati presi per pazzi. La Regione fa la sua parte con medici e persone capaci che ho ringraziato insieme al direttore generale Aliquó e al direttore sanitario Elia. Straordinarie anche le forze dell’ordine, in costante contatto con la prefettura di a Ragusa.

Commenta su Facebook