Michele Tripisciano: un uomo che pagò con la vita il suo amore per l’arte

A passeggio con Michele Tripisciano a Caltanissetta e a Roma. A partire dal celebre “Orfeo” in marmo esposto al Museo di Palazzo Moncada, potremo rivivere momenti indimenticabili della vita e dell’opera di uno degli scultori considerati tra i maggiori a livello nazionale e internazionale in vita, che con la vita pagò il suo amore per l’arte, realizzando, nonostante le sue condizioni di salute non glielo consentissero, nei tempi strettissimi che gli furono concessi, il Monumento a Gioacchino Belli, citato da Leonardo Sciascia in un suo famoso articolo, quando ricorda la sua vita di studente al Magistrale di Caltanissetta e quella famosa piazzetta, che dopo l’inaugurazione del busto a lui dedicato, da Isola Guittardi divenne Piazzetta Tripisciano. Seguono, in conclusione, proposte concrete di valorizzazione, perché non se ne perda ancora una volta il ricordo.

Appuntamento martedì 20 aprile a partire dalle 18 sulla pagina Facebook dell’assessorato alla Cultura del Comune di Caltanissetta. L’incontro, per la rassegna “Caltanissetta c.è. Cultura” sarà condotto da Marisa Sedita, presidente del comitato di Caltanissetta della Società Dante Alighieri nonché presidente del parco letterario Rosso di San Secondo e sarà moderato dal giornalista Gianni Nicola Caracoglia.

Commenta su Facebook