Miccichè acclamato alla guida dell'Udc Sicilia. “Crocetta non ci metta in imbarazzo, altrimenti ognuno per la sua strada”

1285

Elezione per acclamazione, questo pomeriggio a Caltanissetta, del nuovo segretario regionale UDC, Gianluca Miccichè, parlamentare nisseno all’Ars. Miccichè ha parlato di sacrificio a stare nel governo e di rapporti ormai incrinati ed ha lanciato l’ultimo aut aut a Crocetta su riforme e assessorato alla sanità. Altrimenti ognuno andrà per la propria strada.

Miccichè durante il discorso di insediamento
Miccichè durante il discorso di insediamento

L’Udc, “nell’alleanza di governo che ha sostenuto Crocetta, è quella che ha fatto il più grande sacrificio”. Adesso lo spartiacque sono le riforme, a partire dalle province, e l’assessorato alla salute, “altrimenti ognuno per la propria strada”.
E’ uno dei passaggi del discorso di insediamento del nuovo segretario regionale Udc, il parlamentare Gianluca Miccichè, che ha parlato davanti alla platea numerosa del comitato regionale che lo ha eletto per acclamazione a Caltanissetta, prendendo il testimone dal segretario uscente e assessore agli enti locali, Giovanni Pistorio. Sulla stessa linea il presidente del partito, Giampiero D’Alia, presente insieme a una nutrita delegazione di parlamentari regionali e nazionali, segretari di partito di tutta la Sicilia e al presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone.
Ugualmente amici sono stati definiti da Miccichè, i “cugini” di Ncd, con i i quali il segretario regionale dei centristi condivide “la necessità, e la responsabilità di fare spazio ad una nuova generazione di classe dirigente popolare”, e quelli del PD, con i quali invece l’Udc “condivide una sfida titanica, dare risposte ai siciliani”, con un governo in cui “i rapporti sono quasi irrimediabilmente incrinati”.IMG_0831
E’ l’ultimatum a Crocetta a cui Miccichè chiede “sincerità e chiarezza e di non mettere in imbarazzo il partito a dover dare giudizi di moralità sulle persone, scegliendo per l’assessorato alla sanità una personalità di alto profilo”. L’Udc, ha concluso, “non è interessata né a tirare a campare né a tirare le cuoia”.
“Al Pd – ha detto Miccichè – chiediamo lealtà, ci dicano con chiarezza se vogliono affrontare i problemi dei siciliani, e noi saremo pronti a dar eil nostro contributo, altrimenti ci dicano con sincerità che no sono in grado e noi prenderemo la nostra IMG_0827strada. Se non ci saranno fatti politicamente rilevanti nei prossimi giorni prenderemo la nostra strada nell’interesse della Regione Sicilia e dei suoi cittadini”.IMG_0829

Commenta su Facebook