Mercato settimanale diffuso nei quartieri per evitare assembramenti. La proposta per non chiudere sarà discussa lunedì a Palazzo del Carmine

711

In tempi d’emergenza le misure da adottare sono straordinarie e così anche per il mercato settimanale del sabato che solitamente si tiene in via Ferdinando I si potrebbe prospettare un’alternativa alla chiusura fino al 3 aprile adottando una soluzione creativa: realizzare un mercatino diffuso, a pezzi, disarticolato in diversi punti della città per evitare assembramenti in un unico posto che non sono consentiti dalle misure di contenimento del nuovo coronavirus.

E’ quanto emerso stamane nel corso di un incontro informale tra il sindaco di Caltanissetta, roberto Gambino, e gli operatori commerciali del mercato settimanale. Il primo cittadino si è recato stamane in via Ferdinando I, sede del mercato, dove alcuni operatori avevano parcheggiato i mezzi senza però montare gli espositori.

“Abbiamo discusso civilmente e hanno compreso il problema – spiega Gambino -. Hanno tutte le ragioni di lamentarsi perché la loro è una categoria particolarmente colpita. E’ emersa questa proposta che sarà valutata lunedì alle 13 in Sala Gialla in una riunione a cui prenderanno parte anche il dirigente del Suap e della Polizia Municipale per verificare la fattibilità”.

Un mercatino diffuso in vari quartieri, dunque, da allestire in conformità alle direttive del Governo in tema di divieto di assembramenti di persone. Lo stop al mercato settimanale del sabato era arrivato nei giorni scorsi dal sindaco Gambino per quattro settimane fino al 3 aprile, data fissata dal presidente del Consiglio dei ministri per tutte le misure messe in campo contro il coronavirus.

Commenta su Facebook