Mense scolastiche, “inaccettabili ritardi burocratici”. Commissione d’indagine del consiglio comunale

1032

La V e la VI commissione consiliare si sono riunite in seduta congiunta per affrontare, ancora una volta, la problematica afferente la mensa scolastica nelle scuole della città. Alla riunione, a cui tra l’altro hanno partecipato anche altri consiglieri comunali non titolari delle due commissioni, sono stati invitati l’assessore al bilancio Pastorello, il vice sindaco Centorbi  e l’assessore alla viabilità e vivibilità Falci , nonchè il Ragionere Generale dott. Claudio Bennardo, l’ing. Capo Tomasella, la dott.ssa Polizzi e la dott.ssa Costanzo.

Dolce PetittoNel corso della seduta, spiega una nota inviata in redazinoe dal consigliere annalisa Petitto di concerto con tutti i consiglieri, si è preso atto che ieri il bando per la refezione scolastica è stato trasmesso alla competente Commissione europea , step iniziale per la sua pubblicazione che dovrà essere garantita per 40 giorni.

I consiglieri presenti, sia di maggioranza che di opposizione, hanno fortemente sostenuto quanto già affermato unanimemente durante un incontro pubblico tenutosi il mese scorso alla presenza di un folto numero di dirigenti scolastici e di rappresenti dei genitori: “il servizio mensa è un servizio essenziale ed imprescindibile per la città, che va garantito e ripristinato nel più breve tempo possibile. Non sono più tollerabili ritardi di nessun genere, sopratutto quelli imputabili alle procedure burocratiche ed amministrative e ciò in considerazione dell’interesse primario ed indefettibile dei più piccoli, che usufruiscono delle mense scolastiche, e delle rispettive famiglie che hanno optato per il tempo prolungato intendendo usufruire di un servizio che, tra l’altro, viene anche pagato”.

Il Consiglio comunale tutto, dimostrando alto senso di responsabilità e prescindendo da ogni appartenza politica, in sede di approvazione di bilancio preventivo, ha votato unanimamente e in linea con gli impegni assunti al già citato incontro pubblico di ottobre, un emendamento che ha consentito l’accantonamento delle somme necessarie al ripristino della cottura dei pasti all’interno delle scuole dotate di cucine già dal 1° dicembre. In tal senso l’assessore Centorbi ha persino inoltrato una direttiva di servizio ai competenti uffici affinchè siano espletati i necessari adempimenti tecnici ed amministrativi entro il mese di novembre, adempimenti atti a consentire la ripresa della cottura dei pasti nelle scuole.

I consiglieri tutti, in forza delle norme statutarie, hanno inoltre stabilito di istituire una commissione di indagine atta a chiarire, definitivamente, le motivazioni e gli eventuali inadempimenti che non hanno consentito sino ad oggi la pubblicazione del bando per l’erogazione del servizio mensa . Tale scelta è stata dettata dalla improcastinabile necessità di dare, una volta per tutte, risposte chiare alla cittadinanza e individuare eventuali responsabilità di un disservizio così importante.

Con il presente comunicato tutti i consiglieri comunali intendono ribadire il loro impegno, politico e civico, nella risoluzione tempestiva e definitiva di una problematica che anno dopo anno, seppur con sfaccettature e profili sempre diversi, la città è chiamata ad affrontare.

Commenta su Facebook