Medico e infermieri aggrediti. Vertice in Prefettura sulla sicurezza degli ospedali del Nisseno

744

E’ stata approfondita questa mattina in Prefettura la problematica della sicurezza delle strutture ospedaliere della provincia, anche a seguito del recente episodio che ha visto coinvolto in un’aggressione un medico del reparto di medicina dell’ospedale di Gela. Nel corso della riunione tecnica di coordinamento delle Forze di Polizia, presieduta dal Prefetto, Cosima Di Stani, cui erano presenti oltre al Questore Signer e ai Comandanti provinciali dell’Arma dei Carabinieri, Col. Daidone, e della Guardia di Finanza, Col. Antonioli, il Direttore Sanitario Dr.ssa Santino, il Direttore del SUES Servizio 118 Dr. Misuraca e il Presidente dell’Ordine dei Medici della provincia nissena Dr. D’Ippolito, è stato effettuato un focus sulla più ampia problematica del fenomeno delle aggressioni nei confronti di medici e operatori delle strutture sanitarie e, in tale direzione, sono stati oggetto di approfondimento i servizi prestati dal personale sanitario presso i Pronto Soccorso, nei reparti degli ospedali, presso le guardie mediche e nelle ambulanze. Preliminarmente tanto la Direzione Sanitaria che il Presidente dell’Ordine dei Medici hanno voluto sottolineare la ferma condanna di ogni forma di violenza sia verbale sia fisica nei confronti del personale sanitario; lo stesso Direttore Sanitario ha poi rappresentato che è già stata approvata una delibera con la quale viene prevista presso i Pronto Soccorso degli ospedali di Caltanissetta e di Gela la presenza di guardia giurata h. 24, mentre negli ospedali di Mazzarino, Niscemi e Mussomeli detta presenza sarà garantita h. 12 nella fascia notturna.

Verrà, altresì, valutata la richiesta formulata dal Presidente dell’Ordine dei Medici di assicurare la presenza di un medico anche in fase di triage. Inoltre è stato evidenziato l’importante lavoro di assistenza ed informazione di primo livello che viene assicurato dal personale della Croce Rossa in virtù di una Convenzione che è stata stipulata dall’Azienda Sanitaria Provinciale. Durante la riunione è stata, altresì, posta all’attenzione della Direzione Generale della ASP la possibilità di valutare l’incremento della presenza, all’interno dei nosocomi, di personale di vigilanza, soprattutto durante gli orari di visita dei degenti.

Per quanto concerne le guardie mediche è stato fatto presente che sono stati previsti lavori per consentire i collegamenti punto a punto serali e notturni con alcune sedi dell’Arma dei Carabinieri e con i Commissariati di Niscemi e Gela, oltre al rafforzamento della videosorveglianza interna ed esterna alle strutture ospitanti le guardie mediche stesse.

Infine, il Direttore del SUES ha, infine, evidenziato che entro fine anno è prevista la fornitura di alcune ambulanze che hanno al proprio interno già installati impianti di videosorveglianza, il che potrà incrementare il livello di sicurezza degli operatori del Servizio 118.

A conclusione della riunione è stato, infine, disposto che, nell’ambito del Piano di controllo coordinato del territorio, gli ospedali della provincia saranno oggetto di costante vigilanza con frequenti passaggi anche in quanto già obiettivi sensibili.

Commenta su Facebook