Mazzarino. Anziano in fin di vita. Fermato il vicino

958

La procura della Repubblica di Gela ha disposto nella giornata del 19 maggio il fermo di indiziato di delitto, eseguito dai carabinieri del Reparto territoriale, di un uomo, B.S. classe 1974 di Mazzarino, per tentato omicidio.

“A tale provvedimento si è giunti in conseguenza dei fatti verificatisi nel tardo pomeriggio del 18 maggio in Contrada Favara nell’agro di Mazzarino presso un fondo agricolo dove, personale del 118 ha soccorso Salemi Agostino, un pensionato locale classe 1945 rinvenuto nel proprio terreno con lesioni multiple agli arti al busto ed al capo, elitrasportandolo presso l’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, ove è giunto in stato di incoscienza, in codice rosso ed è stato sottoposto ad intervento chirurgico”, informa la procura in una nota.

I Carabinieri della locale Stazione e i colleghi del Nucleo operativo radiomobile intervenuti successivamente sul posto, attese le ferite riportate dall’uomo e i dubbi segnalati dai sanitari in ordine all’accidentalità delle stesse, avvalendosi della collaborazione della Sezione rilievi del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Caltanissetta, hanno avviato le indagini procedendo ad accurati rilievi e all’escussione delle persone a conoscenza dei fatti.

L’attività d’indagine è stata coordinata dal sostituto procuratore, Eugenia Belmonte, intervenuta sul posto ed ha permesso di acquisire rilevanti e univoci elementi indiziari a carico del soggetto, ritenuto l’autore del gravissimo episodio criminoso che ha portato la vittima in fin di vita.

Il magistrato, al termine di interrogatorio, ha quindi disposto il fermo eseguito dai Carabinieri.

Alla base dell’episodio vi sarebbero futili motivi.

La vittima, conosciuta e vicina al suo carnefice, politraumatizzato, dopo vari interventi, risulta ricoverato in prognosi riservata all’ospedale “S’Elia” di Caltanissetta e versa in pericolo di vita.

Commenta su Facebook