Maxi operazione antidroga tra Niscemi e Vittoria. Sequestrati 55Kg di 'erba'

1645

 

torres francescoIn data odierna, personale dei Commissariati di Polizia di Niscemi e Vittoria ha tratto in arresto cinque soggetti, tutti di Vittoria, per reati legati ala coltivazione ed alla detenzione di sostanze stupefacenti. Alle prime ore del mattino, numerosi agenti hanno eseguito varie perquisizioni, tra cui quella nei confronti di tale Paravizzini Antonio, cl’72, nella cui azienda agricola, sita in contrada Fondo Abate ove abita insieme alla moglie Occhipinti Carmela, cl’84, anch’essa tratta in arresto, hanno rinvenuto occultati in un casolare nella sua disponibilità 13 sacchi di plastica contenenti sostanza stupefacente del tipo marjuana, per un peso complessivo di 10 chili. Nella serra inoltre, tra i filari coltivati a pomodoro, venivano rinvenute numerose piantine di marjuana e molta altra sostanza già essiccata, per un peso complessivo di 15 chili. Nel corso della perquisizione inoltre, veniva notato uno degli odierni arrestati, precisamente il Torres Francesco, cl’90, mentre tentava di fuggire a bordo della propria autovettura, così da essere prontamente bloccato. All’interno del cofano della sua autovettura, venivano rinvenuti tre sacchi di plastica per un peso complessivo di 25 chili di sostanza stupefacente sempre del tipo marjuana. Pertanto la perquisizione veniva estesa all’azienda agricola, di proprietà anche di Ficicchia Giovanni, cl’70, il quale giungeva mentre si rinvenivano altri 5 chili di sostanza stupefacente occultata all’interno di un casolare di pertinenza.

paravizzini antonioInoltre, anche nella serra dei Ficicchia – Torres, si notava lo stesso abile stratagemma utilizzato dal Paravizzini; si rinvenivano infatti altre piantine di majuana nella parte centrale della serra, tra i filari di altre coltivazioni di ortaggi; l’indagine, partita due mesi fa, ha visto il Commissariato di Niscemi impegnato nella ricerca dei canali di approvvigionamento di marijuana sulla piazza di Niscemi, e, una volta avuto sentore che il Pravizzini fosse il terminale per il rifornimento di numerosi niscemesi, è iniziata una attività di collaborazione con il Commissariato di Vittoria, che si è dipanata attraverso appostamenti ed osservazioni, resi non facili dalla particolare conformazione del territorio, costituito appunto da numerose coltivazioni in serre, ove un ulteriore ostacolo è stato rappresentato dalla complicità e connivenza di numerosi soggetti costituenti la manodopera nelle aziende agricole.

Marijuana sequestrata dalla poliziaAvuta certezza che il Paravizzini, soggetto già con precedenti per spaccio di stupefacenti, nonché per associazione mafiosa, stesse dando vita ad un ciclo a pieno ritmo di produzione di marjuana e di spaccio, si decideva di intervenire e, alle prime ore dell’alba, si faceva irruzione nella sua azienda. Con l’arresto dello stesso, ed il sequestro di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente, si è chiuso il cerchio attorno ad uno dei principali canali di approvvigionamento di marijuana a Niscemi, interrompendosi nel medio termine un floridissimo mercato. La sostanza, al dettaglio, avrebbe potuto fruttare 200.000 euro in totale.

Commenta su Facebook