Matteo Salvini al Cara di Pian del Lago: “Basta immigrazione occorre sicurezza”

259

Regolare l’immigrazione, nuove riforme per il lavoro e chiudere i centri di accoglienza. Con la sicurezza di essere il prossimo capo del
Governo. Questi i punti salienti su cui si è soffermato il leader della Lega Matteo Salvini, arrivato a Caltanissetta per un sopralluogo
al centro di accoglienza di Pian del Lago. “Gli immigrati sono uno dei problemi dell’Italia – ha detto Salvini – tolgono risorse, tolgono le forze ordine al presidio del territorio, creano danni che pagano gli italiani perché se danno fuoco a delle strutture come questa, poi ovviamente le ripagano gli italiani. I numeri confermano che di tutti quelli che dicono che scappano dalla guerra solo una minima parte viene riconosciuta in fuga dalla guerra e il restante 80 per cento deve essere riportata da dove arriva. Ringrazio gli operatori che si mettono a disposizione di questo territorio. Nell’Italia che ho in testa strutture come questa andranno a chiudere, le espulsioni devono aumentare perché ci sono costi enormi”. Ma qual è la soluzione? L’immigrazione – ha risposto Salvini – va regolata come in altri paesi. In Tunisia, Pakistam Nigeria e Libia stessa vanno identificati e lasciati partire solo coloro che hanno diritto ad arrivare in Italia. Bisogna farli arrivare serenamente e non sui barconi, fermando coloro che non hanno diritto di partire”. Sul centro di Pian del Lago l’esponente leghista ha affermato: “Sicuramente rispetto a Mineo è una cosa diversa. A Mineo c’è un mercato di carne umana a cielo aperto che grida vendetta al mondo, qui si cerca di oganizzare al meglio quella che è una situazione che voglio vedere chiusa nei prossimi cinque anni”. Su eventuali impresentabili nelle liste della Lega, anche dopo le affermazioni su alcuni esponenti del Movimento 5 stelle Salvini ha
risposto: “I 5 stelle mi pare siano impegnati a controllare i loro scontrini quindi aspetto che entro un mese capiscano chi ha pagato,
chi ha “magnato”. Comunque non commento i problemi altrui, sono orgoglioso dei nostri candidati e finalmente il 4 marzo voteranno gli
italiani e decideranno se al governo va Di Maio, ci torna Renzi o ci va Salvini”. Salvini crede alla possibilità di essere il prossimo premier e ha concluso: “Io ci credo, altrimenti non sarei qua, non avrei già pronta una squadra di governo che dal 5 marzo comincerà a lavorare. Per prima cosa vengono lavoro e sicurezza, bisogna proteggere i confini ed eliminare alcune norme che stanno massacrando il lavoro in Italia, come la legge Fornero. Chi l’ha approvata dovrebbe chuiedere scusa agli italiani per danno che ha fatto”.

Commenta su Facebook