Mattarella. L’omaggio ai Carusi non è una ricorrenza ma la spinta a perseguire un obiettivo comune

1069

Oltre che un omaggio alle vittime morte in miniera, la tappa al cimitero dei Carusi del presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Caltanissetta, venerdì 25 settembre, rappresenta uno stimolo a perseguire gli obiettivi che si ritengono idonei a portare sviluppo. Quando il sindaco Giovanni Ruvolo ha proposto questa ulteriore tappa della visita del Presidente, programmata nell’aula magna Saetta-Livatino del Palazzo di Giustizia per celebrare i due magistrati uccisi da Cosa Nostra, l’idea ha preso corpo perché il cimitero dei Carusi è una delle tappe fondamentali del percorso “Ciaula scopre la luna”, l’itinerario storico culturale ed enogastronomico su cui stanno scommettendo diversi comuni, associazioni e società civile.

La visita di Mattarella al cimitero dei Carusi significa anche un supporto al percorso “Ciaula scopre la luna”, che verrà inaugurato il 27 settembre e che vede la collaborazione di diversi attori istituzionali e della società civile intorno a un’idea che inizialmente si era sviluppata in un tavolo partecipato allestito dall’assessore Marina Castiglione per formulare la proposta di Caltanissetta capitale della cultura. Un percorso turistico e storico legato alla profonda storia delle miniere, ma anche alla storia contadina di Caltanissetta che gli faceva da contraltare, accompagnati da mappe della cultura enogastronomica locale.

Il Presidente della Repubblica fa un omaggio ai Carusi che si traduce in un’opportunità per Caltanissetta, San Cataldo, Montedoro, Serradifalco, e gli altri paesi coinvolti dell’entroterra siciliano, per valorizzare un percorso a cui partecipano studenti e  scuole, associazioni, ambientalisti, professionisti di varia natura ed estrazione culturale. Un input non solo per credere nelle idee che si mettono in campo ma anche per perseguirle, in modo partecipato.

Ecco che la visita del Presidente della Repubblica non deve essere vista come un traguardo ma un punto di partenza che potrà essere foriero di buoni risultati se il percorso avviato, a partire da “Ciaula Scopre la luna”, terrà uniti insieme gli attori del progetto. L’arrivo di Mattarella deve saldare un’alleanza progettuale da cui non ci si può tirare indietro,  il dado è tratto.

Un’occasione più unica che rara di portare alla ribalta Caltanissetta e l’hinterland. La partecipazione di tutti potrà dare il messaggio giusto. Ovvero che non c’è solo una storia profonda dell’entroterra siculo, ma anche un magma che spinge per risalire.

Commenta su Facebook