Marino 'frena' Crocetta. "Non ho preso alcuna decisione, indiscrezioni danneggiano lavoro".

639

Crocetta Rosario Presidente

Nicolò Marino, il magistrato in servizio alla direzione antimafia di Caltanissetta, che coordina insieme a Sergio Lari le indagini su via D’Amelio e Capaci, frena Crocetta, affermando che la decisione di entrare o meno in giunta è tutt’altro che presa. “Devo ancora valutare se sarò in grado di svolgere un lavoro a cui sono stato chiamato da Crocetta – afferma Marino – prima di sabato non scioglierò la riserva. Tutte queste voci mi mettono in difficoltà. Non voglio fare il prezioso, però è una decisione molto seria e non voglio prenderla a cuor leggero”. Marino si occuperebbe di Energia e servizi di pubblica utilità, le cui competenze spaziano dal settore delle rinnovabili, eolico e fotovoltaico, al servizio rifiuti. Le voci insistenti che davano Marino ormai certo di entrare in giunta, erano circolate al termine del vertice romano tra Crocetta e i leader siciliani e nazionali di PD e UDC. Ma tali voci, potrebbero danneggiare il lavoro in Procura del magistrato e allontanare l’ipotesi.

Commenta su Facebook