Manovale disoccupato annuncia il suicidio. Corsa contro il tempo dei Carabinieri per salvarlo

1112

Ha minacciato di uccidersi probabilmente perché senza lavoro e per alcuni pagamenti frutto di lavoretti che però non gli erano stati pagati. Un disoccupato nisseno di 30 anni, in difficoltà finanziarie per mantenere la famiglia,  l’altra sera era intenzionato a togliersi la vita. Lo hanno cercato Carabinieri e Polizia dopo aver appreso dell’intenzione di suicidarsi che il giovane aveva comunicato alla moglie via Sms. Da lì è scattato l’allarme e i controlli sono stati estesi al questore Provvidenza e su tutto il centro storico.
Un dramma frutto della crisi, sventato in tempo grazie alla efficace mediazione di una pattuglia dei carabinieri del Nucleo operativo Radiomobile, che sono riusciti prima a rintracciare l’aspirante suicida il quale aveva fatto perdere le sue tracce e poi a convincerlo a fare ritorno dalla moglie e dalla figlioletta.
La donna ha preferito chiamare i Carabinieri perché dopo l’annuncio dell’intenzione di volersi uccidere il marito non rispondeva più alle insistenti chiamate della coniuge.
Sono stati i carabinieri del Nucleo Radiomobile a trovare il manovale, addosso non aveva armi o corde che lasciassero temere un gesto estremo. Dopo avere raccolto il suo sfogo e averlo tranquillizzato, il giovane padre è stato riaccompagnato a casa dove in lacrime ha riabbracciato la sua famiglia.

Commenta su Facebook