Malattie sessualmente trasmesse, giovani a rischio: esperti a confronto a Caltanissetta

225

L’ordine dei medici di Caltanissetta ha organizzato un corso sulle malattie sessualmente trasmesse (MST)  per sensibilizzare i medici alla problematica che l’organizzazione mondiale della sanità ha considerato di assoluta priorità per la salute pubblica.

Le infezioni sessualmente trasmesse infatti colpiscono nel mondo più di un milione di persone l’anno con conseguenze per la salute legata alla malattia causata dall’agente infettante ma possono causare sia nel maschio che nella donna tumori, sterilità e disturbi cronici.

Una categoria particolarmente a rischio sono i giovani che non avendo una adeguata preparazione in campo sessuale si espongono in maniera inconsapevole a possibili infezioni anche gravi, che possono condizionare il loro futuro.

A promuovere tale iniziativa sono stati i ginecologi della AGITE, i medici di famiglia della SIMG, i pediatri della FIMP e il Rotary  siciliano  che dal 2018 realizza un progetto condiviso con un protocollo d’intesa  con l’assessorato all’istruzione e l’assessorato alla sanità  che vede impegnati i rotariani a effettuare relazioni agli studenti degli ultimi due anni delle scuole superiori per somministrare  informazioni imparziali e scentificamente corrette sulle MST per aiutarli a sviluppare le competenze necessarie ad agire sulla base delle predette informazioni, contribuendo così a sviluppare atteggiamenti rispettosi ed aperti che favoriscono la costruzione di società sana, affinchè possano vivere la sessualità e le relazioni di coppia in modo appagante e allo stesso tempo responsabile.

Il corso, con una nutrita partecipazione di medici, si è tenuto ieri, sabato 9 novembre, presso la sala convegni dell’ordine dei medici.  Specialisti di più discipline, Pina Belfiore, Giuseppe Giannone, Giovanni Carlo Lazzaro, Rosanna Milisenna,  Rosaria Riccobene,  Carmen Russello, Francesca Sferrazza, Giuseppe Sportato, Pino Caccamo, Giuseppe Petrotto, dopo l’introduzione del presidente dell’Ordine dei Medici Giovanni D’ippolito e il presidente del Rotary Club di Caltanissetta Tiziana Amato Cotogno,  hanno ampiamente relazionato con un attivo coinvolgimento dei partecipanti.

Commenta su Facebook