“Maggioranza in stato confusionale, consiglieri si dimettano come a Roma”. L’attacco di Forza Italia dopo il consiglio deserto

599

“L’ennesima pantomima andata in scena durante il Consiglio Comunale straordinario convocato per discutere della crisi idrica ha certificato due cose: il Sindaco Ruvolo non ha più una Maggioranza che gli garantisca in Aula il numero legale; la Maggioranza di centrosinistra è senza guida ed ha perso la bussola”. Lo afferma il Coordinatore di Forza Italia, Oscar Aiello, che aggiunge: “è ormai chiaro a tutti che questo improvvisato modo di gestire il Consiglio Comunale e l’intero Comune da parte della coalizione di centrosinistra ha reso Palazzo del Carmine privo di autorità e di autorevolezza. Non è infatti la prima volta che altre Istituzioni e personalità importanti declinino l’invito a partecipare ad un Consiglio Comunale per discutere di temi importantissimi per la Città. Era successo per la seduta sul problema immigrazione (nessun invitato ha considerato il Consiglio Comunale), è successo nuovamente ieri quando si doveva discutere della crisi idrica. La mancanza di considerazione non riguarda però tutti i Consiglieri, se infatti gli ospiti partecipano volentieri alle Commissioni (così come ha fatto per esempio ieri Caltaqua), ed invece disertano il Consiglio Comunale evidentemente il problema va ricercato a monte”, afferma Aiello, che arriva così a chiedere le dimissioni di tutti i consiglieri di maggioranza, come hanno fatto a Roma con Marino.

“Non c’è infatti da meravigliarsi se il Consiglio viene ignorato quando le sedute vengono convocate in maniera presumibilmente illegittima, così come eccepito dal Capogruppo di Forza Italia, Calogero Adornetto, il quale aveva presentato una richiesta di annullamento che è stata a sua volta ignorata dalla Presidenza, circostanza questa che ha determinato l’abbandono dell’Aula di Forza Italia per protesta. Non c’è nemmeno da stupirsi se il Consiglio perde di credibilità quando, subito dopo l’apertura dei lavori di una seduta straordinaria ed urgente, perviene da un Capogruppo della Maggioranza una imbarazzante proposta di rinvio, non solo senza averla concordata, ma paradossalmente senza specificare data ed ora (ma la seduta non era straordinaria ed urgente?).

Che tra il centrosinistra prevalgano ormai improvvisazione e confusione è stato certificato durante la seduta dell’ultimo Consiglio, quando si sono susseguite una serie di proposte e discussioni scollegate tra di loro, tant’è che la presunta Maggioranza è pervenuta ad una votazione senza nemmeno sapersi contare, determinando di fatto la caduta del Consiglio per mancanza del numero legale. E non è la prima, né la seconda volta che il Sindaco Ruvolo si è dimostrato incapace di garantirsi il numero minimo di 12 Consiglieri, necessari per proseguire i lavori d’Aula. A questo punto invito i Consiglieri di centrosinistra a dare le dimissioni di gruppo come hanno fatto i Consiglieri di Roma per mandare a casa Marino: facciano la stessa cosa con Ruvolo e per il bene di Caltanissetta si ritorni presto alle urne!”.

Commenta su Facebook