Mafia, "Fenice". Condanne da 8 a 12 anni per il capo provincia e lo studente incensurato

831

CALTANISSETTA – Tre condanne nel processo stralcio seguito all’operazione “Fenice” della Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta nei confronti di soggetti accusati di aver tentato di ricostituire le famiglie mafiose di Niscemi e Gela. Le condanne sono state comminate col rito abbreviato dal Gup Alessandra Giunta. La pena più pesante è per Alessandro Barberi, consuocero del capomafia nisseno Giuseppe “Piddu” Madonia, condannato a 12 anni di reclusione. Dieci anni e 4 mesi per l’incensurato Alberto Musto, studente universitario ritenuto al vertice della famiglia mafiosa di Niscemi, fedelissimo del “collaborante” Giancarlo Giugno. Al pastore Fabrizio Rizzo sono stati inflitti 8 anni e 2 mesi. I tre condannati dovevano rispondere anche di aver intimidito un imprenditore di Niscemi che si era rifiutato di pagare il pizzo. Altri tre imputati dello stesso filone d’indagine sono sotto processo a Gela con il rito ordinario.

Commenta su Facebook