Mafia, colpo di grazia. 11 condanne e un'assoluzione al processo con l'abbreviato

1162

11 condanne, tra cui 4 patteggiamenti e un’assoluzione. Questo l’esito del processo Colpo di grazia per mafia ed estorsioni ad imprese per lavori eseguiti a Caltanissetta, celebrato con il rito abbreviato davanti al Gup, Alessandra Giunta. L’unico assolto è l’imprenditore nisseno Angelo Failla, già assolto al processo Redde Rationem. Il Gup ha inflitto 6 anni e 8 mesi ad Antonio Maranto, di Polizzi Generosa, 5 anni e 4 mesi ad Antonino Bracco, un anno e quattro mesi al capomafia nisseno Angelo Palerrmo. 8 mesi al gelese Armando D’Arma. Pene più lievi per i collaboratori di giustizia: un anno e due mesi a Pietro Riggio, dieci mesi a salvatore Dario Di Francesco, quattro mesi ad Alberto Ferrauto. Hanno patteggiato pene minori i pentiti Aldo Riggi, Giuseppe Ferrauto e Ercole Iacona. A tre mesi la condanna patteggiata dall’imprenditore gelese Marcello Sultano. 

Commenta su Facebook