M5S: “Le mani delle grandi aziende del fotovoltaico sui terreni agricoli siciliani. Presentato ddl per correre ai ripari”

62

“Non possiamo permettere che la Sicilia diventi un immenso campo fotovoltaico a fronte dell’assenza di qualsiasi tipo di regolamentazione che, ad oggi, preveda regole chiare per l’installazione di tali impianti”. Lo affermano  i deputati all”Ars del M5S Giampiero Trizzino e Luigi Sunseri che hanno presentato un ddl per regolamentare le installazioni in Sicilia ed evitare il far west nel settore.

“Si continua ad assistere  – dice Trizzino, primo firmatario del ddl – all’aumento vertiginoso del numero di progetti pervenuti alla  commissione regionale deputata al rilascio delle autorizzazioni (Via-Vas), cosa che comporta un rischio enorme per l’ambiente e per il paesaggio siciliano, oltre che per l’agricoltura. Per tale motivo, abbiamo presentato un disegno di legge che stabilisce regole precise per l’installazione di impianti fotovoltaici su terreni agricoli, mettendo, così, fine a una stagione di totale anarchia. Noi non abbiamo nulla contro il fotovoltaico, anzi, ma il far west attuale è inaccettabile. Specie se questo aiuta a lucrare sulle difficoltà degli agricoltori”.

A spingere contadini e proprietari terrieri a cedere in massa  le campagne è la scarsa redditività delle terre, specie se rapportata alle allettanti offerte delle aziende che negli ultimi mesi stanno facendo la corsa ad acquisti ed affitti.

Il ddl  stabilisce che la  porzione  massima  di  terreno  agrario  coltivabile  e/o  coltivato  sulla  quale  è consentita  la  realizzazione  di  impianti  fotovoltaici o solari non può essere  superiore  al 10%  della  dimensione  del  lotto e in ogni caso per una superficie totale non superiore ad un ettaro.

“Entro 90   giorni  dall’entrata  in  vigore  della  legge – spiega Trizzino – con  decreto de ll’Assessore  per l’Agricoltura verranno individuati i parametri e i limiti per la realizzazione di impianti fotovoltaici e solari, che dovranno tener conto, tra le altre cose, del rapporto di copertura rispetto al lotto di terreno in cui vengono realizzati, delle distanze minime dai confini,  delle distanze minime da rispettare nel caso di impianti da realizzarsi in un’area in   cui insistono altri impianti nelle vicinanze, dell’equa distribuzione degli impianti sul territorio regionale, dell’obbligo di conversione della destinazione d’uso del suolo da agrario a industriale”.

“Da anni – dice Sunseri – denuncio il rischio di trasformare i terreni agrari siciliani, gli stessi che producono le nostre eccellenze culinarie, in MEGA-impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile. La cosa più triste è che vogliono farlo puntando sulla disperazione delle persone. Molte aziende, approfittando dei prezzi da miseria del settore agricolo (in tempi buoni gli agricoltori siciliani guadagnano poche centinaia di euro per ettaro), stanno proponendo l’acquisizione del diritto di superficie, offrendo importi che vanno dai 2mila ai 3mila euro all’ettaro. Capite bene che questa proposta è molto allettante per chi, per esempio, è a rischio fallimento. E da anni il governo Musumeci non muove un dito, rimanendo in silenzio. Non possiamo permettere la devastazione delle nostre aree agricole migliori. Dovremmo valorizzare il suolo  già consumato e non consumarne altro”.

‘In Sicilia – dice Mario Pagliaro, ricercatore del Cnr che ha che ha collaborato alla stesura del ddl – non c’è alcuna ragione di solarizzare i terreni agricoli. Sono già disponibili per questo , censite dalla regione, 511 discariche esauste e 710 fra cave e miniere chiuse. Con i 4 siti di interesse nazionale di Priolo, Milazzo, Gela e Biancavilla, in totale sono pronti ad essere solarizzati quasi 4mila e 200 ettari. Con i pannelli di oggi, che superano i 500 W di potenza,  sarebbe possibile quindi triplicare la potenza fotovoltaica attualmente installata in Sicilia senza sottrarre all’agricoltura un solo metro quadro di terreno fertile. Poi, occorre solarizzare l’intero parco edilizio siciliano che con 1 milione e 700mila edifici è secondo solo a quello della Lombardia. In questo modo è possibile coniugare energia pulita e rinnovabile con la tutela del paesaggio e dell’agricoltura, riducendo drasticamente il consumo di petrolio e gas naturale”.

Commenta su Facebook