Lunedì l’insediamento del nuovo procuratore per i minori Rocco Cosentino. Lunga esperienza in Calabria è anche autore di romanzi

Il magistrato Rocco Cosentino è ufficialmente il nuovo Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Caltanissetta. La nomina è stata deliberata all’unanimità nei giorni scorsi dal CSM in seduta plenaria, previo conferimento delle funzioni direttive requirenti di primo grado. Lunedì mattina 22 novembre  presso l’Aula d’Udienza del Tribunale per i Minorenni, sarà immesso nelle funzioni di Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni.

Rocco Cosentino è nato nel 1974 a Taurianova, dove risiede. Laureatosi in giurisprudenza nel 1996, è entrato in magistratura nel 1999. Dopo l’esperienza presso la Procura della Repubblica di Reggio Calabria con le funzioni di sostituto procuratore distrettuale antimafia, è stato in servizio presso la Procura della Repubblica di Palmi per quasi venti anni, quale componente del gruppo specializzato in materia di reati contro la pubblica amministrazione, reati tributari e delitti contro l’ambiente, nonché responsabile dei rapporti con le sezioni di polizia giudiziaria. È stato docente di Procedura Penale presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali dell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria. Tra le indagini maggiormente delicate seguite nel corso della sua esperienza nel distretto di Reggio Calabria, si ricordano quelle in materia di rapine, armi e stupefacenti sfociate nelle operazioni “CONSEQUENT”, “JOLLY”, “ZEUS”, “GUN MAN” e “GIOVENTÙ BRUCIATA”, nonché quelle finalizzate alla ricerca di latitanti (op. “LANCIO”), in materia di usura bancaria, assenteismo nella pubblica amministrazione (op. “SWIPE”), delitti contro la persona (omicidi e tentati omicidi) e associazioni a delinquere finalizzate al traffico di mobili antichi e opere d’arte di provenienza furtiva (op. “TARLO”).

Magistrato con la passione per la scrittura, è autore di ben cinque romanzi che grande successo hanno riscosso negli ambienti letterari.

Commenta su Facebook