Luce staccata negli impianti sportivi di Pian del Lago. Comune moroso, società infuriate

850

Luci spente al Pala Cannizzaro e allo stadio Tomaselli. Ancora una volta, come accaduto a luglio scorso, la società Enel ha  staccato il contatore degli impianti sportivi (unico per Tomaselli e Pala Cannizzaro), sembra per morosità dell’Ente per una somma di circa 80 mila euro.

Pare che la società abbia avvertito il Comune dell’imminente distacco qualora non fossero state pagate le bollette, ma agli avvisi non è corrisposto il pagamento causando lo stop alle attività sportive. Sul “caso” è intervenuta la società di volley Albaverde con una dura nota.

“Incredibile ma vero. Dopo che hanno messo un “pezza”al controsoffitto pericolante, mercoledì abbiamo preso atto dell’ennesima “perla” gestionale di una Amministrazione sempre più allo sbando. Entrati nell’impianto per i programmati allenamenti (ragazzine dai 12 ai 15 anni con corollario di genitori nelle vesti di accompagnatori) abbiamo constatato (senza stupore visto che le “sorprese” sono all’ordine del giorno) che non vi era erogazione di energia elettrica. Impianto al buio quindi, insieme al vicino Tomaselli in quanto il contatore è unico, perchè “presumibilmente” la bolletta non è stata pagata al punto che l’Enel ha interrotto l’erogazione. Nessuno si è preoccupato di avvertire le società che, come da calendario settimanale, dovevano usufruire dell’impianto”.

“Cosa aggiungere di più alla nota che abbiamo scritto appena due giorni fa quando non è stato possibile disputare una gara del campionato giovanile?”, afferma il presidente dell’Albaverde, Fabrizio Montagnino.

 

Commenta su Facebook