L’omicidio in centro storico per CL Protagonista è la punta dell’iceberg: “La città si è trasformata in far west”

294

“Caltanissetta da alcuni mesi si è trasformata in un “far west” in tantissime zone del centro storico. Le segnalazioni quotidiane di liti nella centralissima via Cavour, di spaccio in zona Provvidenza, di prostituzione in via Rochester, di illegalità diffusa in centro storico, sono sotto gli occhi di tutti. Troppo facile accusare gli extracomunitari e Caltanissetta Protagonista non cadrà certo in questo errore. Abbiamo tenuto un profilo alto su questo tema da sempre e non scivoleremmo neanche questa volta sul becero populismo razziale che appartiene ad altri, ma non a noi”. Lo affermano in una nota i consiglieri di Caltanissetta Protagonista Salvatore Petrantoni, Giovanna Mulè e Michele Giarratana. Rivolgendosi al sindaco e al prefetto chiedono “se i controlli tanto sbandierati in alcuni momenti dell’anno, con telecamere e fiumi di inchiostro dei mass media, si sono per caso fermati”.

“Ci chiediamo altresì – prosegue la nota – se uomini e risorse siano adeguati per una città apparentemente tranquilla come Caltanissetta ma che vive di tanto sommerso e che, specie nelle ore notturne, diventa teatro di tanta irregolarità. Ci sembra evidente che il problema non riguarda solo gli extracomunitari domiciliati al Cara di Pian del Lago, ma chiaramente anche i tantissimi regolari e alcuni italianissimi cittadini che del fenomeno immigrati da anni speculano e lucrano alla luce del sole”.

Tempo addietro il movimento aveva chiesto all’amministrazione Ruvolo allora in carica e al prefetto del tempo, Cucinotta, “di potenziare l’operazione “strade sicure” aumentando la presenza dei militari e delle forze di polizia che presenzierebbero più stabilmente sul nostro territorio comunale”.

“Spesso il sindacato di Polizia ha lamentato la carenza di personale che deve fronteggiare le frequenti rivolte degli immigrati nei CPR oltre alle consuete attività di Polizia; crediamo che sia necessario intervenire in questa direzione con forza e determinazione. Non possiamo di certo “rigenerare” la nostra città e il nostro centro storico, come ripete giornalmente il Sindaco Gambino, se non si contrasta con fermezza questa sempre più dilagante sacca di illegalità, con programmi serissimi e interventi strutturati”.

Commenta su Facebook