Loculi cimiteriali “mala gestio intollerabile”. Pd (Faletra): “milioni di euro bloccati dalla burocrazia del Comune”

955

A seguito di rimostranze di molti cittadini e degli addetti ai lavori i consiglieri Annalisa Petitto e Francesco Dolce hanno presentato un’interrogazione al Sindaco per sbloccare una vicenda che definiscono assurda e che non si risolve da più di sei anni, ovvero l’avviso pubblico con il quale si invitavano i cittadini a fare richiesta di assegnazione di loculi cimiteriali.

“Da allora – scrive il Circolo Faletra del PD – malgrado la graduatoria sia ormai definita, con criterio cronologico, inspiegabilmente gli uffici non la esitano, bloccando l’acquisizione degli oneri dovuti, che sarebbero ossigeno per le casse comunali e creando un danno all’economia delsettore edile che potrebbe generare occupazione”.

Il circolo del PD parla apertamente di “Mala gestio burocratica intollerabile!”.

Dolce Petitto“Ai sottoscritti – scrivono invece Petitto e Dolce nell’interrogazione – risulta che ad oggi il Comune debba esitare ed assegnare lotti cimiteriali relativi al periodo che va dal 2009 al 2015, dunque con un arretrato di circa 7 anni”.

“L’ampliamento del cimitero Angeli ha in atto una potenzialità totale di assegnazione di circa 1.000 lotti e l’inerzia ad assegnare tali lotti produce, evidentemente, dei danni economici al Comune e alla Città”.

Considerando che il costo di un lotto cimiteriale è di circa cinquemila euro, dalla loro vendita il Comune ricaverebbe un introito di circa 5 milioni di euro, una cifra che evidente gioverebbe, e non poco, alle casse comunali.

Considerato poi che il costo medio per la costruzione di una cappella gentilizia può essere stimato in circa 60mila euro, ipotizzando pertanto in un anno di vendere 100 lotti, si metterebbero dunque in circolo circa 6 milioni di euro, fornendo così ossigeno all’economia nissena.

I consiglieri chiedono dunque “perché, ad oggi, siano ancora inevase le richieste di assegnazione dei lotti relative al periodo che va dal 2009 al 2015.” e chiedono dunque “di procedere, in tempi celeri, all’assegnazione di tali lotti, poiché sia il Comune che la Città tutta ne trarrebbero evidente giovamento”.

Commenta su Facebook