Lite furibonda tra congiunti. Arrestati due uomini e una donna per rissa aggravata e tentato omicidio

Nella tarda mattinata di ieri, intorno alle ore 13.00, gli agenti della Polizia di Stato della Sezione Volanti sono intervenuti presso il pronto soccorso dell’Ospedale Sant’Elia dove poco prima era giunto un 23enne ferito con arma da taglio.

Si trattava del 23enne Fabio Chiarelli, gravato da numerosi precedenti che ha riferito di essere stato aggredito dal fratello della fidanzata, per non meglio precisati dissidi familiari, presso nel pianerottolo dell’abitazione dei genitori della ragazza, Rosalia Ylenia Alletto di 19 anni, con precedenti per danneggiamento.

Sul posto gli agenti hanno identificato Angelo Salvatore Alletto, 20 anni, gravato da numerosi precedenti che ha fornito una sua versione dei fatti, spiegando che a seguito di non meglio precisate provocazioni aveva avuto una violenta colluttazione con Chiarelli.

Dalle versioni fornite ai poliziotti dai tre soggetti coinvolti nella rissa, nonché da quelle fornite dalla madre dell’Alletto e dal compagno di quest’ultima, gli agenti hanno ricostruito le dinamiche dell’aggressione nel corso della quale sarebbe stato Alletto Angelo Salvatore, armato di coltello, ad aggredire Chiarelli, quando questi è giunto nell’abitazione con la fidanzata. A sua volta Chiarelli si sarebbe difeso armato di un cacciavite.

I due uomini oltre a infliggersi numerosi fendenti che hanno provocato lacerazioni e strappi ai vestiti indossati da entrambi, si sarebbero colpiti con calci e pugni; alla colluttazione avrebbe partecipato anche la ragazza armata di bastone, prima di essere tutti separati dalla madre degli Alletto.

I due uomini, dopo le cure del Pronto Soccorso, hanno riportato, rispettivamente, il Chiarelli, lievi ferite di arma da taglio al volto e frattura del setto nasale; l’Alletto, numerose escoriazioni e graffi in vari punti del corpo.

Tutti e tre i partecipanti all’aggressione, sono stati tratti in arresto per i reati di rissa aggravata e, i due uomini, anche per tentato omicidio e porto di armi o oggetti atti ad offendere. A carico degli stessi sono stati sequestrati un coltello, un cacciavite e un bastone, utilizzati nel corso dell’aggressione.

I due uomini, su disposizione del P.M. di turno sono stati condotti presso il Carcere di Malaspina, la donna, invece, è stata condotta agli arresti domiciliari, tutti a disposizione dell’A.G.

Chiarelli Fabio e Alletto Rosalia Ylenia hanno nominato quale difensore di fiducia l’Avvocato Domante Salvatore del Foro di Gela; Alletto Angelo Salvatore ha, invece, nominato l’Avvocato Assennato Maria Francesca del Foro di Caltanissetta.

Commenta su Facebook