Maira: “Incivili contestazioni, ultimo atto dell’omicidio politico del sindaco”

766

“Anche se con amarezza non sono per nulla meravigliato dalla incivile contestazione accaduta nei confronti di Michele Campisi. Ferma la solidarietà nei confronti dei lavoratori, e non, che vivono drammatici momenti di difficoltà per se stessi e le loro famiglie, quel che è accaduto a Michele Campisi è l’ultimo atto vissuto in diretta di un vero e proprio ‘sindachicidio’”. Lo afferma in una nota l’avvocato Rudi Maira, già deputato regionale e nazionale nonché sindaco di Caltanissetta.

IMG_4530“Michele Campisi – prosegue Maria – per una sorta di stratificazione negativa, che non valuta il merito, spesso in uso nella nostra Città, qualunque cosa facesse è stato criticato e contestato, a cominciare da alcuni suoi pseudo amici di partito, ed anche se avesse ricoperto d’oro Caltanissetta sarebbe stato sempre attaccato”.

“Perché Campisi è stato un buon Sindaco? Perché ha fatto .quello che oggi si richiede che faccia un Sindaco: risanare i bilanci del Comune perché questo è l ‘unico strumento per riattivare, in un domani il più vicino possibile, politiche virtuose per la ripresa economica e per agevolare l’occupazione. Non ha sperperato danaro pubblico per manifestazioni frivole e circensi e pseudo culturali, per accattivarsi noti centri di potere con prebende e consulenze, non ha illuso i precari ed i disoccupati. Ed ha fatto bene anche se comportandosi diversamente oggi avrebbe giudizi positivi, ma effimeri.

Con queste stesse logiche il centro- destra ha bruciato candidature alternative e prestigiose, prima fra tutte quella di Sergio Iacona e non è riuscito a ricompattarsi consentendo la candidatura di Michele Giarratana e perdendo così il suo bagaglio di esperienza amministrativa. La scelta di Gioacchino Lo Verme, a questo punto, è doverosa e mi auguro che possa servire nel secondo turno a ricompattare tutto il voto moderato come ho sempre auspicato perché Caltanissetta non ha bisogno di parcellizzazione della politica o di improprie ammucchiate di liste ma di seri programmi tra gruppi omogenei che si confrontino lealmente per tutelare al meglio gli interessi ed i diritti dei cittadini”, conclude Maira, esponente del Cantiere Popolare, oggi in Forza Italia.

Commenta su Facebook