L’incendio fin sotto casa. Paura a San Luca e contrada Calderaro. Evacuate cento persone

2192

Un vasto incendio, probabilmente partito dalle campagne di contrada Cammarella, ha lambito numerose case nel quartiere San Luca e in contrada Calderaro questo pomeriggio. Decine di persone appartenenti a vari nuclei familiari sono state evacuate dalle loro abitazioni.

Schermata 2014-08-27 alle 17.16.58Fiamme alte fino a dieci metri hanno minacciato alcuni condomini di via Carlo Alberto Dalla Chiesa e delle vie adiacenti del quartiere San Luca, dopo che le fiamme avevano percorso il fronte dell’incendio da via Cammarella fino ad arrivare al centro abitato. Provvidenziale l’intervento dei Vigili del Fuoco di Caltanissetta, coordinati dal capo squadra Filippo Cassisi, dell’antincendio boschivo del Corpo Forestale e della Polizia, sul posto coordinata dal Sovrintendente Michelangelo Caldararo in collaborazione con le volanti e sotto il coordinamento del capo di gabinetto, il vicequestore Alessandro Milazzo. Nel gruppo di pronto intervento anche la Polizia Municipale.

Un vasto schieramento di forze necessario per sgomberare ed evacuare numerosi residenti sia dei condomini del quartiere San Luca avvicinati dalle fiamme che i residenti di alcuni villini di contrada CAlderaro che sono stati messi subito in sicurezza insieme agli animali custoditi nelle ville e nelle Schermata 2014-08-27 alle 17.14.50campagne.

Un vasto fronte di fuoco si è quindi allargato fin sotto il ponte che collega la via Xiboli con la Zona Industriale, sfiorando le attività produttive Cds Spa e Stella, il cui capannone è stato lambito.

A rischio anche i residenti delle villette, evacuati in fretta e furia prima di iniziare lo spegnimento delle fiamme che fortunatamente non hanno investito le case per una manciata di minuti provvidenziali. Un box auto è andato distrutto e alcune suppellettili, come un carrello rimorchio.

Schermata 2014-08-27 alle 17.11.33Tornando a San Luca, invece, se la sono vista brutta i residenti di un condominio che hanno visto in faccia le fiamme alzarsi fino a 8/10 metri. Anche in questo caso l’intervento delle auto pompe dei Vigili del Fuoco ha evitato il peggio, anche perché l’incendio era arrivato al muro di cinta e lambiva le auto in sosta.

Complici il vento e le sterpaglie, il rogo ha toccato il picco massimo nel tratto di campagna tra San Luca e la Zona industriale dove erano presenti alcuni eucaliptus e pini rimasti carbonizzati in grande quantità e alcune attrezzature per l’edilizia custodite nel terreno.

Alle 17 circa, i soccorritori hanno preso il controllo della situazione e il pericolo è rientrato. Nel pomeriggio tutte le famiglie evacuate sono state fatte rientrare.

Commenta su Facebook