Liceo “Manzoni” senza riscaldamenti. Gli studenti: “Le autorità temporeggiano”

554

E’ trascorso circa un mese da quando al Liceo delle Scienze Umane A. Manzoni di Caltanissetta, si è verificato un guasto al locale caldaia, che ha provocato il mancato funzionamento dei riscaldamenti nei piani superiori dell’edificio scolastico e, progressivamente, in alcune aeree del piano terra. La manutenzione degli impianti delle scuole superiori è di competenza dell’ex Provincia, oggi libero consorzio di comuni.

La denuncia arriva dalla Rete degli studenti Medi con i rappresentanti d’istituto del Liceo scienze umane Manzoni, Valentina Lomaglio, Manuela Sciabbarrasi e Federica Contino.

“Subito dopo la registrazione del danno – spiegano – gli studenti della scuola con i rappresentanti di istituto, hanno sollecitato la presidenza nella risoluzione di tale situazione emergenziale. La Dott.ssa Giuseppina Mannino, Preside dell’ Istituto, pur avendo chiarito la sua non responsabilità in tale processo risolutivo, si è subito mobilitata insieme agli studenti, impegnandosi nell’inviare, nel corso del mese appena trascorso, continue richieste di aiuto a Comune, Prefettura e al Libero Consorzio nisseno. L’unica risposta pervenuta: l’invito da parte del libero Consorzio a rivolgersi alla società Caltanissetta Service, che si occupa di attività di verifica di impianti termici, manutenzione e custodia anche nelle scuole del nisseno, la quale prima ha realizzato un sopralluogo al Manzoni per verificare la situazione, successivamente ha smesso di rispondere alla lettere di sollecitazione ai lavori inviate dalla Presidenza”.

“Ad oggi – proseguono – nulla è realmente cambiato e studenti, docenti, e personale ATA al Liceo delle Scienze Umane sono costretti a svolgere le loro attività nel freddo dei locali scolastici, anche dopo la pausa natalizia. Perciò oggi, 08 Gennaio c.m. , i rappresentanti di istituto e delle classi, autorizzati dalla preside, hanno realizzato in collaborazione con la Rete degli Studenti Medi di Caltanissetta un sit-in di fronte ai locali della Prefettura”.

I ragazzi avevano con sé diversi documenti forniti dalla segreteria con il consenso della Preside, che certificavano come la Scuola si fosse più volte rivolta alla Prefettura senza ricevere risposta.

Agli studenti è stato riferito da un funzionario che una ditta specializzata era stata inviata nei giorni scorsi per effettuare un sopralluogo. “Quando però una rappresentante degli studenti è ritornata a scuola per discutere con la Preside dell’incontro appena descritto, quest’ultima ha affermato che nessuna nuova ditta era sopraggiunta”.

La Rete degli Studenti Medi chiede alle autorità locali, insieme ai Rappresentanti degli Studenti e alla Presidenza del Liceo delle Scienze Umane A. Manzoni di Caltanissetta, di prendere una netta posizione e di intervenire tempestivamente nella risoluzione del disagio sopra descritto. Occorre che la questione del diritto allo studio occupi davvero una posizione prioritaria nell’azione della nostra amministrazione a tutti i livelli, non più un mero slogan propagandistico da campagna elettorale”.

Commenta su Facebook