Licenziamenti infermieri e ausiliari all'Asp2. Si apre uno spiraglio, rinnovo senza vertenze future

1038

Lavoratori a tempo determinato dell’Asp 2 di Caltanissetta, in particolare infermieri, ausiliari e fisioterapisti in scadenza di contratto. Incontro tra il Nursind ed il management aziendale sul licenziamento dei dipendenti con contratto che raggiungerà i 36 mesi il prossimo 30 giugno.
Iacono Asp 2All’incontro erano presenti il direttore generale dell’Asp di Caltanissetta Carmelo Iacono, il direttore sanitario Marcella Santino, il direttore amministrativo Mazara, ed una nutrita rappresentanza di personale a tempo determinato. “Si è trattato di un incontro molto costruttivo e propositivo – ha detto Osvaldo Barba coordinatore regionale Nursind Sicilia – basato sul dialogo e sul confronto. Ovviamente abbiamo trovato posizioni divergenti rispetto all’applicazione delle norme in materia di stabilizzazione che riguardano le circolari assessoriali in materia di proroga contrattuale del personale a tempo determinato. Rispetto a assemblea Nursind. 2jpgquest’impasse abbiamo prospettato la proposta di un’assunzione di responsabilità dei dipendenti nei confronti dell’Asp di non adire alle vie legali per richiesta di stabilizzazione per quei dipendenti che non hanno i requisiti previsti in materia di stabilizzazione ma che dovessero avere un rinnovo oltre i fatidici 36 mesi”. Una proposta accolta dal management aziendale, subordinata al benestare della Regione.
“Il problema è a carattere isolano e sono interessati diverse migliaia di dipendenti che, qualora non si arrivasse ad una decisione di transizione, rischiano di rimanere senza lavoro tra poco meno di un mese. Ci siamo immediatamente attivati per un tavolo tecnico in Regione affinchè, questa posizione di insicurezza e di stallo, possa avere una risposta definitiva e perentoria, qualunque essa sia. Non sono escluse nell’immediato, altre manifestazione di protesta anche ad oltranza” , conclude Barba per i Nursind

Commenta su Facebook